Articles

Bertrand Sassoye (Italiano)


Youngudifier

Bertrand sassoye è nato il 24 luglio 1963 a Bruxelles. Sua madre è l’insegnante e suo educatore di padre. Termina la sua istruzione secondaria sotto l’Athenaeum di Saint-Gilles. Vita frequentemente, poi vive, una comunità in cui Pierre Carette vive.

Le sue prime attività politiche sono l’organizzazione di scioperi ed eventi come parte del fronte della liberazione della scuola superiore. Quindi si impegna nel comitato di sostegno per i prigionieri politici in FRG (infatti i prigionieri della frazione dell’esercito rosso). Lavora brevemente come archivista a Saint-Gilles e poi è chiamato al servizio militare. È una festa, con Pierre Carette e Frédéric Oriach, del Gruppo che, il 10 febbraio 1982, ha lanciato la sovversione del giornale “, revisione internazionale per il comunismo” e passa a nascondersi quest’anno.

cellule comuniste combattente, carcere, fuga, releasEmodifier

il 16 dicembre 1985, viene arrestato in Namur con altri tre membri della lotta con le cellule comuniste: Pierre Carette, Didier Chevolet e Pascale Vandergeerde. I CCC erano iniziati il 2 ottobre 1984 una serie di attacchi contro la NATO, il governo e i datori di lavoro. Questi attacchi erano stati preceduti nel 1982 e nel 1983 molte operazioni clandestine che saranno evocate alla prova (furto di esplosivi in una carriera, saccheggio dell’armeria di una caserma, fissa in diverse banche, ecc.). Nel suo arresto, Bertrand Sassoye ha diffuso sotto la falsa identità degli hiemeleers di Patrick. Come gli altri tre membri del CCC, rifiuta qualsiasi collaborazione con la polizia come con Francine Lyna Jice, ed è posta in totale isolamento. Questo sistema di isolamento, contro il quale i quattro porteranno allo sciopero della fame, dureranno tre anni (fino al processo). Al processo, i quattro accusati rivendicano la legittimità del combattimento del CCC e sono condannati alla vita.

Bertrand Sassoye è stato detenuto alle prigioni di Saint-Gilles, Foresta, Mechelen, Tournai e Lantin. È sfuggito dalla prigione di Tournai il 19 marzo 1992 con due co-detenuti ma viene ripresa e condannata a sei mesi in prigione per la fuga.

A seguito di una campagna di solidarietà intensiva guidata dall’associazione dei genitori E amici dei prigionieri comunisti, viene pubblicato su Conditional il luglio 2000 senza averne negato il suo impegno. Funziona come baristi a Bruxelles.

Workmodificatore teorico

Bertrand Sassoye pubblicherà, sotto lo pseudonimo di Theodor Derbent, test sulle teorie militari rivoluzionarie sotto forma di articoli, conferenza. O libri (Pubblicato alle edizioni Aden a Bruxelles e Zambon a Francoforte). Questo lavoro si concentra principalmente sulle teorie di Clausewitz e sulla loro influenza sulle strategie di guerre rivoluzionarie (Lenin, Giap, Maozedong, ecc.). Il suo lavoro principale, “Clausewitz e la guerra del popolo”, è stato pubblicato in francese e tedesco, ma le sue conferenze sono ampiamente diffuse e tradotte (inglese, tedesco, italiano, arabo, farsi, greco e spagnolo). Il suo libro “Giap e Clausewitz” riceverà un invito alla biblioteca militare vietnamita il 25 settembre 2011 ad Hanoi.

L’anonimato dello pseudonimo sarà totale per diversi anni, consentendo a tali test di ricevere un riconoscimento relativo da un lato nei cerchi rivoluzionari, d’altra parte nei media specializzati nella strategia. Il segreto dello pseudonimo sarà rotto nel giugno 2008 da un giornalista della sera indagando dopo il secondo arresto.

AIUTO ROSSO E IL SECONDO ARRESTMODIFICATORE

Bertrand Sassoye si è unito al momento del rilascio nel 2000 l’Associazione dei genitori e degli amici dei prigionieri comunisti (APAPC) che lo sostenevano durante la sua detenzione. È uno dei co-fondatori di dicembre del rilievo rosso del Belgio quando viene creato sulla base dell’APAPC. Belgio Red Rescue, che è membro di International Red Rescue, in particolare organizzare la solidarietà con i prigionieri rivoluzionari (comunisti, anarchici, antifascist).

Il 5 giugno 2008 la polizia sospettava una complicità di quattro membri del rilievo rosso del Belgio con un’organizzazione italiana clandestina, il “partito comunista politico-militare”, l’arresto dei quattro sospetti e a diverse ricerche. Si sviluppa un movimento di solidarietà. Le prime tre uscite intervengono il 26 giugno, Bertrand Sassoye verrà rilasciato solo il 29 luglio. Il pavimento alla fine rinunciare alla ricerca e prescrizione è riconosciuta nel novembre 2018.

Bertrand Sassoye riprende le sue attività per il salvataggio rosso. Partecipa a diverse delegazioni in prove all’estero e testimoniano a quello di Nikos Maziotis e Pola Roupa della lotta rivoluzionaria anarchica del gruppo armato il 13 settembre 2012 ad Atene.Interviene nel 2019 nel film Fedayin dedicato a Georges Ibrahim Abdallah.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *