Articles

CA170Neurotossicità di nuove cefalosporins


Risultati

sugli articoli attualmente identificati per céfpiroma (19 articoli), cectoroline (8 articoli), cetobiprole (1 articolo) e ceftozolane (1 articolo), nessuno ha riportato la neurotossicità. D’altra parte, riguardante il Caftazidime, dei 224 articoli identificati, 20 sono stati inclusi, segnalando 27 pazienti (65 anni di età mediana, 11 donne per 15 uomini). La neurotossicità si è verificata in un tempo mediano di 6,5 giorni, di evoluzione favorevole in 3 giorni in mediano dopo aver fermato l’antibiotico. Si è manifestato da segni encefalitici (100%), con sindrome confusa (56%), disturbi del vigile (44%), convulsioni comitati (26%) e allucinazioni (15%) e movimenti anormali (55,55%). Un fattore preferito è stato trovato in quasi tutti i casi (92,6%), come il fallimento renale (81,5%) o l’anomalia del sistema nervoso centrale preesistente (18,5%). Dei 16 casi di neurotossicità con dosaggio e funzione renale disponibili, la dose di ceftazidime è stata adattata alla funzione renale in soli 3 casi (18,75%). Il punteggio di responsabilità mediano secondo la scala NARANJO era 3, corrispondente a una possibile causalità. Per quanto riguarda il CeFective, sui 119 articoli identificati, 61 sono stati inclusi, riportando 148 pazienti (69 anni di età mediana, 73 donne per 62 uomini). La neurotossicità si è verificata entro un tempo mediano di 4 giorni, di evoluzione favorevole in 2 giorni in mediana dopo aver fermato l’antibiotico. Si è manifestato da segni encefalitici (94,6%), con sindrome confuso (45%), disturbi del vigile (45%), crisi comitati (12%) e segni focali (8,8%), nonché movimenti anormali (44,6%). Un fattore preferito è stato trovato in quasi tutti i casi (93,2%), di insufficienza renale (89,1%) o anomalia del sistema nervoso centrale preesistente (14,3%). Dei 112 casi di neurotossicità con dosaggio e funzione renale disponibili, la dose cefalicata è stata adattata alla funzione renale in 29 casi (25,9%). Il punteggio di responsabilità mediano secondo la scala Naranjo era 4, corrispondente a possibili causalità. L’elettroencefalogramma (EEG) ha trovato per le 2 molecole un’attività lenta e simmetrica, un ritmo delta diffuso, anomalie parossiche, con alberi di onde acute, picchi, lievi complessi, tre viaggi. Scarichi epilettici anche evilettici di uno stato di epilettico non convulso male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *