Articles

Caratteristiche del settore francese frutta e verdura

Il settore francese frutta e verdura: un campo di studio rilevante della domanda di manodopera salariata nei proprietari della famiglia E – Capitolo II:

In questo capitolo, presentiamo le caratteristiche principali delle fattorie francesi di frutta e verdura e il contesto in cui si evolvono. Mostriamo che le specificità di questo settore rafforziamo l’acuità dell’analisi della domanda di manodopera salariata nell’agricoltura familiare. Inoltre, mostriamo che se le fattorie di frutta e verdura hanno mutazioni esperte a livello globale simili a quelle di altre aziende agricole, gli sviluppi del lavoro sono stati particolarmente segnati in questo settore.

I – Le principali caratteristiche del settore

Il settore della frutta e della verdura differisce da tutto il settore agricolo da determinate caratteristiche dei suoi prodotti-deperisabilità e del loro alto valore aggiunto – dalla quantità di lavori dei dipendenti utilizzati e la debolezza del supporto che riceve. Inoltre, questo settore è molto eterogeneo: le aziende agricole sono differenziate dalla loro produzione, il loro grado di specializzazione, la loro struttura, la loro struttura, la natura della loro forza lavoro e i canali di distribuzione che mobilitano.

I.1 – Varie produzioni deperibili

Le condizioni pedane-climatiche della Francia consentono di produrre più di cinquanta specie vegetali e più di quindici specie di frutta. Come mostrato nella Tabella 18, le principali produzioni di verdure francesi sono pomodori, carote, lattuga, cavolo e cipolla. Per molte di queste produzioni, la Francia è tra i principali paesi produttori europei.
Tabella 18- Produzioni principali Verdure francesi francesi in 2000

specie produzione francese (in migliaia di tonnellate) % della produzione europea (Europa di 15)
pomodoro 848 5%
carot 558 16%
lattuga 403 15%
Cavolo 395 21%
cipolla 390 11%
Green Bean 350 34%
Melon 300 15%
piselli 250 40 %
endive 250 250 63%

Fonti: Eurostat e preses, gli stipendi dell’autore della mela, la pesca, la pera, l Prugna, albicocca e ciliegia sono le sei principali produzioni della frutta (Tabella 19). Ancora una volta, la Francia è in buona posizione nella produzione europea.
Tabella 19- Principali produzioni di frutta francese in 2000

Specie Produzione francese (in migliaia di tonnellate) % della produzione europea (Europa di 15) Mele 2536 28% pesca 287 8% pera 257 257 10% prugna 208 30% albicocca 139 25% Cherry 71 71 13%

Fonti: Eurostat, Autore dell’Autore
Queste produzioni occupano quasi l’1% del territorio nazionale: nel 2005 esisteva vicino a 234.000 ettari dedicati alla produzione di verdure e quasi 120.000 ettari dedicati alla produzione di frutta.
Produzione di frutta Situato principalmente in tre bacini: Val-de-Loire, sud-ovest e il bacino del Rodano-Mediterraneo (Figura 4). La produzione di verdure è concentrata su quattro principali aree di produzione: Provenza e Roussillon, Bretagna e Val-de-Loire, Nord Pas-de-Calais e Aquitania (Figura 5).
Figura 4- Distribuzione della produzione di frutta in Francia metropolitana nel 2006 (in tonnellate)
Distribuzione della produzione di frutta in Metropolitan Francia nel 2006
Fonti: Agresti 2006 Statistiche agricole annuali, Trattamenti dell’autore (realizzati con Geoclip © EMC3-IGN Paris 2001-Geofla
Figura 5- Distribuzione della produzione legume in Metropolitan Francia nel 2006 (in tonnellate)
Fonti: Agreste Annual Statistiche agricole 2006, Autorità dell’autore (realizzate con Geoclip © EMC3-IGN Paris 2001-Geofla)
Ci sono tre modalità di coltivazione Diversi legumi:
– La cultura del campo completo in cui le verdure sono a Rotati Sulla stessa trama con altri tipi di cultura.Queste culture possono essere per la lavorazione o vendute come prodotti freschi. Nel caso del campo completo per la lavorazione, le culture sono spesso meccanizzate. Non studieremo questa modalità di cultura, estremamente diversa da altre modalità di produzione a causa della meccanizzazione.
– Il mercato all’aperto Giardino Giardino o sotto i rifugi in cui le superfici ricevono solo rotazioni di verdure.
– Colture sotto serre o I migliori rifugi.
SI, come mostrato nella Tabella 20, l’87% della superficie vegetale è coltivata sul campo, questa proporzione non riflette il peso delle produzioni da questa modalità di cultura in tutta la produzione vegetale. In effetti, i rendimenti sono estremamente diversi da una modalità di cultura all’altra: molto importante nella coltivazione della serra, sono molto più bassi nella coltivazione del campo completo.
Tabella 20- Distribuzione di superfici vegetali in base alla modalità culturale nel 2005

Modalità cultura superficie
ettaro %
campo completo per la tassa 98 831 42
per trasformazione 103 930 45
Market Gardening Air 24 050 10
Greenhouse 7091 3
Totale 233 902 100

Fonti: Agresti Survey Structure 2005, Trattamenti dell’autore
Campo: Aziende professionali
In termini di opportunità, la quota più grande di produzione I frutti e le verdure sono destinati al mercato dei costi: solo il 5% della produzione di frutta e il 20% della produzione di verdure sono destinati alla lavorazione132.

132 Fonti: OniflHor 2004.

Frutti e verdure freschi hanno la particolarità di essere generalmente molto deperibile e infelice. Vi è, tuttavia, una forte variabilità all’interno di frutta e verdura come mostrato nella Tabella 21. Alcune produzioni devono effettivamente essere prelevate, confezionate e commercializzate in un tempo molto breve (albicocca, fragola, melanzana …).
D Altro , al contrario, il supporto in attesa di un po ‘di tempo sull’albero o nella stanza fredda una volta raccolti (mele, agrumi …).
Tabella 21- Grado di deperimento di frutta e verdura (secondo il tempo di ritenzione, l’intensità delle respiratorie e Fragilità del prodotto)

Gruppo 2fruite e verdure meno deperibili Caso di frutta, olive, cipolle, ecalot, aglio
Gruppo 2 Mele, agrumi, kiwi, pere, carota, patata
Gruppo 3 Carciofo, asparago, cavolo, cavolfiore, verde fagiolo, piselli, pepe, cetriolo, pomodori, uva gruppo 4fruits e verdure il la maggior parte dei perissa Frumenti albicocca, ciliegio, nettarina, pesca, prugna, lampone, mirtillo, fico, epinard, fragola, melone, insalate, melanzane

Fonti: adattato a Emlingling et al.
Leggi la memoria completa == > (Richiesta di lavoro permanente e stagionale in agricoltura)
Tesi presentato e supportato pubblicamente per ottenere il titolo di medico in Scienze Economic
Montpellier Supagro – Centro internazionale per studi universitari in scienze agricole
Dottorato Scuola di Economia e Gestione di Montpellier

Stampa amichevole, PDF Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *