Articles

Centro risorsa per i diritti aziendali e umani

per una versione in lingua inglese di Questo profilo caso, clicca qui.

A novembre 2015, pescatori indiani e agricoltori hanno impegnato i procedimenti contro i procedimenti contro la International Finance Corporation (IFC) con un tribunale federale. Americano a causa del danno ambientale causato dalla pianta del carbone di Tata Mundra A Gujara, in India, finanziato da IFC. A marzo 2016, un giudice stimato che IFC non potesse essere perseguito in questo caso.

In agosto 2016, le comunità e gli agricoltori colpiti hanno fatto appello che, secondo le recenti decisioni della Corte Suprema degli Stati Uniti, IFC non lo fa avere il diritto all’immunità assoluta e dovrebbe essere soggetto ad accusa per il danno causato dalla pianta. Il 23 giugno 2017, una corte d’appello americana ha dichiarato che IFC avesse diritto a “immunità assoluta” e non poteva essere perseguita dalle comunità ferite da progetti IFC. A luglio 2017, le Comunità interessate hanno chiesto a un tribunale di rivedere la dottrina di “immunità assoluta”. Il 26 settembre 2017, una corte d’appello statunitense ha dichiarato che non avrebbe riconsiderato la regola dell’immunità.

Il 22 gennaio 2018 le ricorrenti hanno fatto ricorso alla Corte Suprema degli Stati Uniti che hanno accettato di ascoltare il caso, accettando così la questione se un’organizzazione internazionale come la Banca Mondiale è immunizzata contro l’accusa. Il 31 luglio 2018, il governo degli Stati Uniti, sostenuto da esperti e nove ONG, ha presentato una mozione (Amicus Brief) con la Corte Suprema a sostegno dei richiedenti, sostenendo che le organizzazioni internazionali come la Banca Mondiale dovrebbero essere oggetto di procedimenti giudiziari per danni causati Con la loro attività commerciale.

Il 31 ottobre 2018 la Corte Suprema degli Stati Uniti ha iniziato le sue audizioni nel contesto dell’appello con l’immunità dell’IFC nell’ambito della legge statunitense. Il 27 febbraio 2019 il tribunale del grado degli Stati Uniti ha scoperto che IFC non ha immunità contro l’accusa nei tribunali statunitensi e che potrebbe essere perseguito quando funge da giocatore privato sul mercato. Il caso è restituito a un tribunale inferiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *