Articles

Cerca – FQMC

Testimonianze

I genitori erano abbastanza gentili da testimoniare sulla malattia celiachia del loro figlio.
queste tre storie Beline the Celiachia: sintomi diversi da una persona all’altra. Una vera malattia del camaleonte!

La storia di Elie, raccontata da sua madre Annie

“Sono una madre di 4 bambini, ci sono due anni il figlio maggiore ha avuto problemi di salute: ha avuto la sensazione che il cibo bloccato nel suo esofago. L’ETL incontrava (Oto-Rhino-Laringistal) ci ha indirizzati in gastroenterologia perché credeva in un’esofagite in eosinofili. I più probabili cause sospettati ai prodotti lattiero-caseari o al glutine.
It’s Informandomi sui sintomi della celiachia che ho riconosciuto diversi problemi di salute che i bambini hanno avuto figli nella loro infanzia, J ho avuto una sensazione, un sesto senso … dovevo prova i miei 4 figli per questa malattia.
un po ‘più tardi, parlando con un amico il cui figlio è celiaco, disse: “Conosci Annie se la malattia celiaca non è trattata, hai più rischi per sviluppare il cancro del tratto digestivo “.
Quindi abbiamo testato i 4 bambini ed è così. Che abbiamo scoperto un po ‘per caso, la celiachia a nostra figlia Elie 14 anni. È vero che tutto piccolo, non appena è stato in grado di esprimersi, si lamentava di Bellyachi dopo i pasti ma mai una grande crisi. Tendeva anche ad essere costipato in occasione, senza che sia allarmante. Era spesso malata, il suo sistema immunitario era carente. Ogni freddo degenerato in infezione (rhinites, sinusiti, otite ripetutamente) del mese di settembre a maggio.
è cresciuta con il suo disagio e non ne ha parlato quasi molto che aveva imparato a vivere con tutti questi mali che erano parte Di lei.
La mia madre era anemia e sapeva l’anno scorso, facendo domande alle mie zie che i medici le dissero che aveva una malattia ereditaria di incomprensione del ferro e che doveva smettere di mangiare il glutine. La malattia celiaca non era mai stata nominata, ma il dubbio rimane che il suo cancro era la conseguenza di una celiachia non trattata. La malattia celiaca non era mai stata nominata, ma il dubbio rimane che il suo cancro era la conseguenza di una celiachia non trattata. Mia madre è morta all’età di 38 anni di cancro del colon.
Anche se Elijah non ha mai avuto grandi crisi, capisce perfettamente l’importanza della sua riga dieta senza glutine, ha la possibilità di sapere come guarire. Dal momento che segue il suo trattamento, il suo sistema immunitario ha rinforzato. I suoi analisi del sangue sono ora belli a livello dei suoi anticorpi. La cosa più difficile è la vita sociale. Purtroppo c’è meno spazio per la spontaneità con gli amici e, naturalmente, la pianificazione è la chiave. Ammiro mia figlia per il suo resiliente e la sua forza di adattamento nonostante le sfide quotidiane che la dieta senza glutine lo porta.

un grande ringraziamento alla fondazione, grazie a cui abbiamo incontrato diverse famiglie che vivono la stessa cosa che noi Il campo La piccola felicità l’anno scorso.
Torna all’inizio della pagina

La storia di Jules, raccontata dal suo Frederick Dad

Molto giovane, nostro figlio Jules è stato ricoverato cinque volte per i chicchi respiratorici. Si noti che era sotto la sua curva di crescita e mancava regolarmente energia.
È successo circa un anno tra la prima visita all’ospedale e la diagnosi; Abbiamo riscontrato una moltitudine di diversi specialisti durante questo periodo. È un residente medico presso Ste-Justine Hospital, che ha chiesto un test del sangue per controllare gli anticorpi Jules. Come risultato della gastroscopia, la diagnosi della malattia celiachia ha rapidamente confermato.
Devo ammettere che siamo stati alleviati da questa diagnosi perché nel processo di ricerca, i medici ci hanno dato l’impressione di nuotare. Nel nulla e soprattutto, alcune diagnosi sollevato erano molto inquietanti.
Naturalmente, al ricevimento della diagnosi, abbiamo iniziato a leggere e ristrutturare la nostra dispensa. Ma siamo stati alleviati alla fine del conteggio.
alcuni mesi dopo, durante un simposio sulla malattia celiaca organizzata dal FQMC, abbiamo partecipato alla conferenza di un medico che ha identificato i diversi sintomi della malattia quando il mio coniuge ha guardato A me dicendo: “Penso che andrai attraverso i test.” Inoltre, ho avuto una storia familiare per problemi intestini. Sorpresa Sorpresa, i miei anticorpi erano molto alti e la malattia celiaca è stata confermata anche dopo la gastroscopia.
oggi, Jules e io stiamo traboccando di energia.In poche settimane, con la sua rigorosa dieta senza glutine, i cambiamenti sono stati significativi.
Jules oggi vive una vita normale del 100% e anche io!
Torna all’inizio della pagina

La storia di Ghilliam , detto da sua madre Marie-Christine

per mio marito e io, la diagnosi della malattia celiaca era una sorpresa. Nell’estate del 2014, William aveva quattro episodi più vicini di Bellyache dopo aver consumato prodotti lattiero-caseari. Abbiamo quindi consultato il suo pediatra. Poiché è molto vigile, non si è fermato solo agli esami necessari per verificare se i prodotti lattiero-caseari erano il problema, ha anche fatto una richiesta d’esame per il controllo dei suoi anticorpi anti-transglutaminasi (ATG). Gli ATG hanno dimostrato molto alto e una gastroscopia l’ha seguito.
In tutto il processo di proiezione eravamo molto scettici poiché William aveva pochissimi sintomi gravi della malattia per non dire nessuno ed era in cima alla curva di crescita per il peso e taglia. Possiamo dire che era atipico per un celiaco: mangiava la pasta quasi ogni giorno senza reazione. Non era davvero un bambino malato. Anche i suoi risultati del sangue erano perfetti con l’eccezione dell’ATG.

Infine il risultato delle biopsie era inequivocabile, le sue villosità intestinali erano davvero atrofizzate e la diagnosi è caduta. Ovviamente, la notizia ci ha scosso molto. Eravamo tristi. È una malattia che non sapevamo. Tutto doveva imparare e soprattutto il nostro modo di vivere era cambiare.
Siamo una famiglia molto impegnata nello sport. Siamo spesso sulla strada, partecipiamo a molti tornei di hockey al di fuori della nostra area che coinvolge soggiorni all’hotel e diversi pasti fuori dalla casa.
Già che William doveva arrendersi. Cibi che amava, era impossibile, a Prima occhiata per noi cambiare qualsiasi cosa sull’hockey. Abbiamo iniziato in modalità soluzioni e 3 anni dopo la diagnosi che stiamo facendo abbastanza bene. Cucino tutti i suoi pasti prima di andare in torneo. Viaggiamo con il nostro forno a microonde e il nostro tostapane. Siamo andati da una vita o abbiamo pianificato più all’ultimo minuto a una vita molto più organizzata. Nel corso del tempo, ci siamo resi conto che la malattia è molto facile da gestire quando sei a casa, la sfida è all’esterno (scuola, ristoranti, tornei di hockey, vacanze).
Come risultato della diagnosi di William, i nostri altri due bambini hanno fatto sangue (ATG e Genetica). Uno di questi ha ATG normali ed è negativo su entrambi i geni. Nostra figlia ha un ATG normale ma ha lo stesso gene positivo di William. Pertanto deve avere il suo ATG controllato con un esame del sangue una volta all’anno.
Anche se sono passati tre anni da quando segue una dieta rigorosa senza glutine, non possiamo urlare la vittoria. I suoi ATG non sono ancora normali (ma notevolmente migliorati). Uno dubita che c’è una contaminazione incrociata che spiega l’ATG anormale ma dal momento che William non reagisce dopo aver ingerito il glutine, è molto difficile determinare la fonte di contaminazione.
Siamo fiduciosi che ci arriveremo. Da lì l’importanza che il bambino sia informato e impegnato nel suo trattamento, così come tutte le persone intorno a lui, cioè, la famiglia allargata, insegnanti, allenatori, amici e parenti di amici. È sicuramente un lavoro di squadra.
Abbiamo aggiunto un nuovo membro del nostro team con la Fondazione e quando ci consultiamo ogni tempo fa, ci hanno consigliato di fare un giornale alimentare per trovare la contaminazione incrociata.
Siamo fiduciosi che lo faremo Arrivaci!

La lacrima di una madre

Nadine Bergevin vive ancora sequelae del percorso del segale che ha portato alla diagnosi del suo figlio maggiore all’età di tre anni. Dall’età di tre anni, suo figlio ha iniziato a presentare sintomi, senza che i suoi genitori siano in grado di spiegarli. “Ha fatto micro dodos, si è svegliato in crisi, rigido come un bar di ferro, soffreva di stitichezza”, ha elencato. Era un bambino che chiedeva che voleva ancora le sue braccia. “
Trova cosa n ‘non è stato come Alla ricerca di un ago in un stivale da fieno, lei lo dice. “Mi sentivo inadeguato, completamente impotente, ho provato tutti i tipi di business per alleviarlo, invano, ho finito il mio congedo di maternità completamente esausto e depresso.”
Questo passaggio ha avuto ripercussioni che fanno sentire ancora oggi, nota il giovane Imprenditore e altoparlante in sane abitudini di vita. “La diagnosi ha avuto l’effetto di un sollievo mescolato con un sacco di colpa, ho cercato di” rompere mio figlio “lasciandolo piangere per lui per insegnare a calmarsi. Mi sono fatto dire che era vagarico.So che ho fatto quello che potevo in quel momento, ma non è stato abbastanza. “
Oggi, Nadine Bergevin nota che questo periodo della loro vita familiare ha lasciato tracce.” Il mio figlio maggiore ha 8 anni e viviamo bene La malattia, ma ho capito scoppiando in lacrime parlando con un altro imprenditore l’altro giorno che non è stato interamente risolto, che ha lasciato le tracce profonde psicologicamente “. L’adesione alla fondazione è stata un balsamo per consentire alla famiglia di fare Pace con questo passato. “Vai a campeggiare la piccola felicità ogni quattro e vedi mio figlio a mangiare tutto ciò che voleva mordere, può parlare con altre mamme (e piangendole tra le sue braccia!” Era come una terapia! “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *