Articles

Château-gontier: un test covidico per rassicurare

di Audrey Maany Pubblicato il 24 dic 20 alle 11:30
Il centro di screening mobile di Covidid è stato presente all'Haut-Anjou-Gontier Halle (Mayenne) martedì 22 dicembre e sarà di nuovo lì martedì 29 dicembre dalle 9:00 alle 13:00 30 e dalle 16:00 Alle 7 di PM
Il centro di screening mobile di Covidid è stato presente presso l’Haut-Anjou-Gontier Halle (Mayenne) martedì 22 dicembre e sarà di nuovo lì martedì 29 dicembre dalle 9:00 alle 13:30 e dalle 16:00 alle 19:00 (© Top anjou)

A metà mattina, martedì 22 dicembre 2020, Christian, 86 anni, lancia un occhio all’interno del corridoio del top-anjou in Château-Gontier (Mayenne).

Non ci sono troppe persone, potrò ottenere mia moglie per noi noi hanno testato

per leggere anche

  • covid-19 a Mayenne: dove viene avvitato nelle prossime due settimane ?

sei al tavolo?

eccezionalmente durante le vacanze di fine anno, il bus di screening Covid è davvero la sua fermata settimanale al castello -gentier Martedì 22 dicembre e 29. Un incontro visibilmente previsto di South Mayen, poche ore per trovare i loro cari.

“Finora siamo fini, non abbiamo molto più di quanto feste, ma nonostante tutto ciò che devi stare attento,” Dice Christian che riceverà la sua famiglia a Natale.

Saremo nove adulti a tavola e precauzione, tutti sono testati prima e indosseremo la maschera il massimo. Per gli abbracci, sarà con il gomito.

un piccolo apprensione

Da parte sua, Christophe apprende un po ‘più riunione.

tra teoria e pratica, dopo diversi mesi senza averlo visto, più la presenza dei nipoti … riusciremo a essere cauto Come vorremmo al momento?

Come la maggior parte delle persone quel giorno, viene testato “per rassicurarmi, soprattutto dal momento che trovo i miei genitori che hanno più di 70 anni” . Se eviterà qualsiasi attività fino al giorno J, “Ci vorrà alcune gare, è complicata …”

ANCHE SENTIRE PER STÉPHANE E LIDIA CHE VENDONO PER ESSERE PRESENTATO CON UNA DESTINATA “Dovremo solo uscire per le razze e saremo molto attenti”. Avevano progettato di essere sei adulti al tavolo.

“Da marzo, come parte del mio lavoro, mi prendo cura di sensibilizzare le barriere, quindi li rispetteremo alla lettera,” sottolinea il padre, Meno preoccupato che sua moglie sia probabile che contaminare i membri della famiglia.

L’unica eccezione: “I nostri nipoti sono molto giovani e sarà difficile evitare gli abbracci”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *