Articles

Come alimenta il camaleonte

Tempo di riproduzione: 3 min

Per catturare la sua preda, il camaleonte proietta rapidamente la sua lingua, a volte una distanza che fa le sue dimensioni due volte. Afferrò il pasto, e lo porta illo in bocca.

A meno che tu non abbia una fotocamera ultrapica per inserire tutti i dettagli di questa cattura, difficile da osservare la manovra. Dura solo alcune frazioni di un secondo …

profilo cinematico di un
profilo cinematico di un “colpo di lingua” quando cattura una locusta. La velocità è stata misurata alla “punta della lingua” dell’animale rispetto alla punta della sua museruola. (Clicca per ingrandire)

Questo è ciò che ha appena fatto una squadra di ricercatori, in gran parte “belga”. Pascal Damman e Deborah Lanterbecq, interfacce di laboratorio & Fluidi complessi dall’Università di Mons (Uomini), Fabian Brau dell’Université Free University Chimica Unità. Bruxelles (ULB) e Leïla-Nastasia Zanikh , il laboratorio di istologia degli upons, voleva capire come preda, a volte fare il 30% della massa predatrice, sono stati catturati da questa lingua di velocità.

Quali sono le forze coinvolte? Questo schema mostra la situazione al momento del ritiro della lingua con quali sono le forze coinvolte? Questo schema mostra la situazione al momento del ritiro della lingua con “FA” come forza di adesione, “ft” la forza applicata, “h0” lo spessore iniziale dello strato di muco e “D” la distanza sul Distanza che si applica la forza di prelievo.

Una domanda di viscosità e superficie di contatto

in collaborazione con Vincent Belles, dal Museo Nazionale, dal Museo Nazionale Di storia naturale di Parigi, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che è la viscosità del muco secreto alla fine del linguaggio dell’animale che gli ha permesso di “attaccare” la sua preda e riportarla a lui.

“Questo muco ha una viscosità 400 volte superiore a quella della saliva umana. Accoppiato con la deformazione della fine della lingua, che si allarga al punto di contatto, spiega l’efficacia della trappola adesiva sviluppata da Il Chameleon “, rivela la squadra, che ha studiato la biologia dell’animale ma soprattutto modellata, in base alla determinazione della viscosità di questo muco. S, i parametri limite di questa tecnica di caccia.

Un animale che moltiplica i segni particolari

il linguaggio protrattile del camaleonte che Gli consente di catturare la preda remota non è l’unica peculiarità di questo animale. Ciostreremo:

  • – le dita opplanose. Le sue gambe hanno dita separate in due gruppi opponibili che lo consentono, come una clip, aggrappati saldamente ai rami.
  • – Una mobilità oculare disaccoppiata. I suoi occhi hanno mobilità indipendente, garantendo un vasto campo visivo.
  • – I suoi cristalli fotonici. La sua pelle cambia colore grazie alla modifica dell’organizzazione di nanocristalli, iricofores, che contiene in alcune cellule. A questo proposito, altre opere, guidate da un vecchio ULB, PR Millinkovich, aveva già consentito questa funzione di luce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *