Articles

Coulomb Charles Augustin (1736-1806) (Italiano)


Il fisico

Dopo aver ricevuto il prezzo dell’Accademia nel 1777, Coulomb Lives Adotta il suo Bussola magnetica sospesa a Twist Torque dell’Osservatorio di Parigi, che ha chiesto di risolvere i problemi apparentemente insolubili della declinazione magnetica degli strumenti. Ha quindi intrapreso ulteriori ricerche sulla torsione e presentate nel 1784 i risultati ottenuti. Ha descritto il pendolo di torsione di cui è stato delineato le possibili applicazioni allo studio e alla determinazione quantitativa dei rapporti delle forze in vari settori della fisica: elettricità, magnetismo, resistenza dei fluidi e proprietà elastiche del materiale. Le basi effettive della teoria dell’elasticità saranno stabilite da Navier, Pesce e Cauchy nei primi decenni del XIX secolo. Coulomb non ha mai affrontato i problemi generali di elasticità, ma la soluzione semplice ed elegante che ha fornito ai problemi di torsione nei cilindri, la sua invenzione del pendolo di torsione e le applicazioni ha guidato i nuovi fisici. La sua equazione sulla forza resistente della coppia della torsione nei cilindri fini (o, come ha scritto, dal momento della forza di torsione) è M = μθD4 / l, dove M è il paio di ritorno, μ una costante (il Coefficiente di rigidità), θ L’angolo di torsione e D e l rispettivamente il diametro e la lunghezza del cilindro. Allo stesso tempo, Coulomb stabilisce una teoria basata su misure sperimentali, che prese in considerazione sia le regioni di torsione lineare che non lineare in diversi materiali che sono stati precedentemente sottoposti a diversi sollecitazioni elastiche.

Coulomb è particolarmente conosciuto oggi Per il suo lavoro su elettricità e magnetismo, che ha segnato un passo importante nella storia di queste due scienze. Cercò di espandere la concezione newtoniana di attraenti forze centrali e ripugnanti per i campi dell’elettricità e del magnetismo. È diventato necessario sostituire le antiche teorie dell’energia elettrica

1 2 3 4 5 …
per i nostri abbonati,
L’articolo è composto da 4 pagine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *