Articles

Cyclone tropicale

Foto satellitare dell’uragano Ivan nel settembre 2004

In meteorologia, un ciclone tropicale chiamato anche l’uragano è una zona di depressione (una depressione è un luogo in cui è la pressione dall’atmosfera basso) che crea venti che si accendono con grande velocità. Un ciclone è sinonimo di venti violenti o disastri perché causa varie e considerevoli distruzioni a causa del vento e delle inondazioni da piogge molto abbondanti. Sono classificati in base alla forza del vento da 1 a 5, è la scala SAFFIR SIMPSON.

  • Categoria 1: da 119 a 153 km / h
  • Categoria 2: 154 a 177 km / h
  • Categoria 3: 178 210 km / h
  • Categoria 4: 211 a 251 km / h
  • Categoria 5: Più di 251 km / h

I diversi tipi di cicloni tropicali

Chiamiamo i cicloni in modi diversi, in base al loro potere e dove sono nati:

  • una depressione tropicale è un sistema organizzato di nuvole e acqua, con venti sostenuti di meno 62 km / h;
  • Una tempesta tropicale è un sistema organizzato di nuvole, acqua e temporali, con venti tra 62 e 118 km / h;
  • un ciclone tropicale, il cui vento supera 118 km / h.

Il termine utilizzato varia a seconda della regione. Parliamo anche di uragano (uragano in inglese) nel Golfo del Messico, nelle Indie occidentali e negli Stati Uniti sud-orientali; Sono chiamati Typhoons (Typhoon in inglese) in Cina, Sud-Est asiatico e Giappone; Gli australiani e gli abitanti del Pacifico meridionale li chiamano cicloni, Bengala, sul mare dell’Arabia in Madagascar, e nell’Oceano Indiano, sono anche cicloni.

La posizione dei cicloni tropicali

I cicloni tropicali colpiscono principalmente le facciate occidentali degli oceani (in modo che la facciata sia i continenti). Ci sono anche al centro dell’Oceano Pacifico.

I cicloni tropicali sono nati dove l’acqua dell’oceano è molto calda (più di 26 ° C) da 50 a 60 metri. I cicloni sono quindi nei tropici tra 8 ° e 30 ° parallelo a nord e sud. In queste regioni soffia costantemente i venti Alizés. I cicloni tropicali sono sconosciuti nelle regioni equatoriali.

Le stagioni dei cicloni

Su tutto il globo, la frequenza dei cicloni tropicali raggiunge il massimo verso la fine dell’estate., Mentre il L’acqua è la più calda e molto superiore a quella dell’aria. Ogni bacino, tuttavia, ha le sue caratteristiche stagionali.

Nel nord Atlantico, una stagione degli uragani ben afflitti inizia all’inizio di giugno e finisce alla fine di novembre, con una forte spinta all’inizio di settembre. Il Pacifico nordorientale ha un più ampio periodo di attività, ma simile a quello dell’Atlantico. Il Pacifico nord-occidentale produce cicloni tropicali tutto l’anno, con un minimo a febbraio e un massimo durante l’estate, ci sono fino a tre cicloni al mese (da luglio a ottobre). Nella piscina settentrionale dell’Oceano Indiano, i cicloni sono più frequenti da aprile a dicembre, con punti a maggio e novembre.

Nell’emisfero australe, la formazione dei cicloni tropicali inizia alla fine di ottobre e finisce a maggio. I picchi si verificano a metà febbraio e all’inizio di marzo.

Cyclone Descrizione

il (molto raro in Brasile) uragano Catarina. Vediamo il movimento rotante delle masse cloud e il centro dell’occhio del ciclone.

Un ciclone tropicale è una depressione atmosferica che si muove ed è molto “scavato” (differenza di pressione molto forte tra la periferia e il centro del ciclone o del “occhio”, dal 30 al 40% in più cavità rispetto alle tempeste temperate più violente).

Il diametro del ciclone varia durante la sua vita. Un ciclone stretto può misurare 80 km, un grande ciclone può raggiungere 800 km. In media, i cicloni hanno 250 km di diametro. Inoltre un ciclone è stretto, maggiore è le differenze di pressione e il più violento è.

L’aria che si trasforma in un ciclone forma un camino che può raggiungere la troposfera (più di 10 km sopra il livello del mare al livello del mare al livello del mare Tropici).

L’aria calda e umida inizia dal livello del mare e aumenta. La velocità dell’aria in aumento è fenomenale: è stato calcolato che è 50 m / s (180 km / h). Arrivato in cima al camino, l’aria si raffreddava di nuovo sulla periferia che vorticò sempre, riscaldando il reildimenti e ri-calmare il camino.

Le fasi di un ciclone tropicale:

  • Sulla parte anteriore ha una fase di bel tempo dal fatto che l’aria sale, occupa l’umidità atmosferica. Il mare agita con un gonfiore da est, il mare può ampliare da 5 a 12 metri.Questo gonfiore è sentito fino a 1.500 km dall’occhio del ciclone. Questo è particolarmente sensibile sulla parete nord del ciclone. Nel centro del ciclone l’ascesa dell’acqua di mare può raggiungere 10 metri. Quando il ciclone raggiunge le coste con l’effetto del gonfiore aggiunge questo aumento dell’acqua. Le regioni chiuse (Gulfs, Estuaari) subiscono quindi una specie di onda di marea che travolge le regioni costiere, che è catastrofica se ci sono basse e molto popolate (ad esempio in Bangladesh).
  • Quando il ciclone è lì, c’è una forte calo della pressione atmosferica in poche ore e venti molto ad alta velocità. Raggiungiamo più di 200 o 300 km / h. Il danno è considerevole.
  • Quando l’occhio viene superato la pressione aumenta bruscamente e molto fortemente.

Queste sono per lo più le regioni situate. sul passaggio dell’occhio che conoscono i fenomeni più intensi; Le aree più remote sono influenzate più moderatamente.

Il ciclone che trasporta quantità molto grandi di acqua vaporizzata, forma nuvole con uno sviluppo verticale molto forte (fino a 15 km di altezza). L’acqua imprigionata si raffredda in altitudine e dà considerevoli piogge (quindi all’incontro nel 1952, in occasione del passaggio di un ciclone, cadde 1.873 mm d’acqua in 24 ore, tre volte ciò che cade a Parigi in un anno). Se le nuvole incontrano i rilievi, l’effetto è aumentato. Queste piogge causano disastri (frane, ponti spazzati via …)

Quando si rivolge a un continente il ciclone tropicale perde gradualmente la forza. Non riceve acqua (Seep o deflusso). Viene quindi trasformato nella “normale” depressione ciclonica delle regioni temperate, la sua aria calda ancora calda viene ad affrontare l’aria più fredda in aree.

I nomi del battesimo

Abbiamo preso l’abitudine Dare un nome ai cicloni per due sono battezzati con i nomi alternativamente maschili e femminili. È stato anche stabilito un principio di cicli. Basato su sei anni e sei elenchi, le coppie anni iniziano con un nome maschile e quelli dispari con un nome femminile. Quindi la lista del 2000 è la stessa di quella del 1994; L’elenco del 2001 mostra quelle del 1989.

Ma durante i cicloni assassini, i nomi di questi ultimi vengono rimossi dall’elenco e sostituiti, in modo da non colpire la popolazione ricordando troppo brutti ricordi. Ad esempio, nell’elenco del 2004, Matthew ha sostituito il nome di Mitch (uragano Mitch ha ucciso circa 18.000 persone in America centrale, nel 1998). I nomi dei primi sono inglesi, spagnoli e francesi.

Le sei elenchi prevedono ventuno nomi attuali da A a W, ma senza q né, piuttosto scarsi. Quindi, è previsto di usare le lettere greche. Nel 2005, un anno record con ventisette cicloni, la lista è stata totalmente utilizzata fino a quando Wilma, quindi fino alla lettera greca Zêta.

il danno

effetti del Katrina Katrina 2005 negli Stati Uniti

cicloni causano gravi venti , piogge molto importanti e talvolta onde gigantesche. Il vento può succhiare persone, auto e case, mentre le piogge possono causare inondazioni e frane in grado di morte da numerose persone annegando; Allo stesso modo un’ondata di tempesta può realizzare diversi metri e causare un’onda di marea devastante.

i luoghi in cui i cicloni fanno il maggior numero di danni sono nelle isole delle zone cicliche (Gulf Mexico, Isole Pacifiche ) e aree vicine alla costa. Il danno più materiale avviene spesso sulla costa meridionale degli Stati Uniti d’America1, ma le molte persone sono piuttosto in Bangladesh.2.

Cyclone o Tornado?

cicloni non deve essere confuso con i tornado, che non sono dovuti alla depressione. I tornado provengono dall’assemblea del vento opposto, spesso sotto una nuvola chiamata Cumulonimbus che è anche la nuvola che causa una tempesta o grandine.

Vedi anche

Notes

Articolo ha evidenziato la settimana del 9 marzo 2009, la settimana del 27 novembre 2017.

  1. uragano Katrina Causa 81,2 miliardi di dollari USA nel 2005.
  2. Il Bhola Cyclone Causa, nel 1970, tra 300.000 e 500.000 morti!

link interni

  • ciclone Rita
  • Cyclone Stagione 2017
Portale di meteorologia – Tutti gli articoli relativi a Meteorologia .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *