Articles

Définition – Définition – Simbolo di disturbo d’ansia generalizzato Signal Uno problème

Per altri usi dell’abbreviazione “GAD” in medicina, vedere GAD .

Disturbo d’ansia generalizzato

Classificazione e risorse esterne

ICD-10

F41.1

ICD-9

Il disturbo d’ansia generalizzato (GAD) è un disturbo d’ansia che è caratterizzato da preoccupazioni eccessive, incontrollabili e spesso irrazionali per le cose quotidiane che sono sproporzionate nella reale fonte di preoccupazione. Questa preoccupazione eccessiva spesso interferisce con il funzionamento quotidiano, poiché le persone che soffrono di GAD tipicamente anticipano il disastro e sono eccessivamente preoccupati per le questioni quotidiane come problemi di salute, denaro, morte, problemi familiari, problemi di amicizia, problemi di relazione o difficoltà di lavoro. Gli individui mostrano spesso una varietà di sintomi fisici, tra cui affaticamento, agitazione, mal di testa, nausea, intorpidimento in piedi e piedi, tensione muscolare, dolori muscolari, difficoltà a deglutire, attacchi di difficoltà respiratoria, difficoltà concentrandosi, tremante, contrazione, irritabilità, agitazione, sudorazione , Inquietudine, insonnia, vampate di calore e eruzioni cutanee e incapacità di controllare appieno l’ansia (ICD-10). Questi sintomi devono essere coerenti e in corso, persistere almeno sei mesi, per una diagnosi formale di GAD da introdurre. Circa 6,8 milioni di adulti americani sperimentano GAD e il 2% degli europei adulti, in un determinato anno, esperienza GAD.

Bilance standardizzate come GAD-7 possono essere utilizzati per valutare la gravità dei sintomi del disturbo d’ansia generalizzato. È la causa più comune di disabilità sul posto di lavoro negli Stati Uniti.

Contenuto

  • 1 prevalenza
    • Li> 1.1 Epidemiologia
  • 2 Possi potenziali cause
    • 2.1 Sostanza indotta
    • 2.2 neurologia
  • 3 Diagnosi
    • 3.1 DSM-IV-TR CRITERIRIA
    • 3.2 ICD-10 CRITERI
  • 4 Trattamento
    • 4.1 Terapia cognitiva comportamentale
    • 4.2 SSRIS
    • 4.3 PREEGABALIN
    • 4.4 Altri farmaci
      • 4.4.1 Benzodiazepines
  • 5 Gad and comorbid depressione
  • 6 Vedi anche
  • 7 Riferimenti
  • 8 Ulteriori lettura
  • 9 Collegamenti esterni

Prevalenza

L’orgoglio globale dell’Organizzazione mondiale della salute del progetto della malattia non ha incluso l’ansia generalizzata disturbi. Al posto delle statistiche globali, ecco alcuni tassi di prevalenza da tutto il mondo:

  • Australia: 3 percento degli adulti
  • Canada: tra il 3 e il 5 percento degli adulti
  • Italia: 2,9%
  • Taiwan: 0,4 percento
  • Stati Uniti: ca. 3.1 per cento delle persone di età pari a 18 anni in un dato anno (9,5 milioni)

epidemiologia

La solita età di insorgenza è variabile – dall’infanzia alla tarda età adulta, con L’età media di insorgenza è di circa 31 (Kessler, Berguland, et al., 2005). La maggior parte degli studi trova che GAD è associato a un inizio precedente e più graduale rispetto agli altri disturbi d’ansia.

Le donne sono due o tre volte più probabilità di soffrire di disturbi ansia generalizzati rispetto agli uomini, anche se questa scoperta sembra essere limitato ai soli paesi sviluppati; La diffusione di GAD è in qualche modo uguale nella nazione in via di sviluppo. GAD è anche comune nella popolazione anziana.

Cause potenziali

Alcune ricerche suggeriscono che GAD può correre in famiglie, e potrebbe anche peggiorare durante lo stress. GAD di solito inizia a un’età precedente e i sintomi possono manifestarsi più lentamente rispetto alla maggior parte degli altri disturbi d’ansia. Alcune persone con Gad Report esordio nella prima età adulta, di solito in risposta a un fattore di stress della vita. Una volta che GAD si sviluppa, può essere cronico, ma può essere gestito, se non tutto-ma alleviato, con un trattamento adeguato.

Sostanza indotta

L’uso a lungo termine delle benzodiazepine può peggiorare Ansia sottostante, con prove che la riduzione delle benzodiazepine può portare a una diminuzione dei sintomi di ansia. Allo stesso modo, l’uso di alcol a lungo termine è associato a disturbi d’ansia, con prove che l’astinenza prolungata può comportare una scomparsa dei sintomi di ansia. Tuttavia, può richiedere fino a 2 anni per i sintomi dell’ansia per tornare alla linea di base in circa un quarto di persone che si riprendono dall’alcolismo.

In uno studio nel 1988-90, malattia in circa la metà dei pazienti che frequentano la salute mentale I servizi presso la clinica psichiatrica dell’ospedale britannica, per condizioni, compresi i disturbi d’ansia come il disturbo di panico o la fobia sociale, è stato determinato a essere il risultato della dipendenza da alcol o benzodiazepina. In questi pazienti, sintomi di ansia, mentre peggiorano inizialmente durante la fase di ritiro, scomparvero con astinenza da benzodiazepine o alcol.A volte l’ansia prest’anta l’alcol o la dipendenza della benzodiazepina, ma la dipendenza stava agendo per mantenere i disturbi d’ansia che vanno e spesso progressivamente peggiorando. Il recupero delle benzodiazepine tende a prendere molto più a lungo del recupero dall’alcool, ma le persone possono riconquistare la loro precedente buona salute.

fumare tabacco, è stato stabilito come fattore di rischio per lo sviluppo di disturbi d’ansia.

Neurologia

Disturbo d’ansia generalizzato è stato collegato alla connettività funzionale interrotta dell’amygdala e del suo trattamento di paura e ansia. Le informazioni sensoriali entrano nell’amygdala attraverso i nuclei del complesso basolaterali (costituito da nuclei basali laterali, basali e accessori). Il complesso basolaterale elabora i ricordi della paura dei sensibili relativi ai sensoriali e comunicano la loro importanza minaccia per la memoria e la lavorazione sensoriale altrove nel cervello come la corteccia prefrontale mediale e i cortizi sensoriali. Un’altra area Il nucleo centrale adiacente dell’amigdala che controlla la paura specifica delle specie rispose le sue connessioni cerebrali, ipotalami e aree cerebellule. In quelli con disturbo d’ansia generalizzato queste connessioni sembrano funzionalmente meno distinte e c’è una maggiore materia grigia nel nucleo centrale. Un’altra differenza è che le aree di Amygdala hanno una diminuzione della connettività con le aree dell’insula e del cingulamento che controllano la salienza dello stimolo generale con una maggiore connettività con la corteccia parietale e i circuiti della corteccia prefrontale che sono sottoposti a funzioni esecutive. Quest’ultimo suggerisce una strategia di compensazione per la lavorazione di ansia disfunzionale amygdala. Ciò è coerente con le teorie cognitive che suggeriscono l’uso in questo disturbo dei tentativi di ridurre il coinvolgimento delle emozioni con strategie cognitive compensative.

Diagnosi

DSM-IV-TR criteria

Criteri diagnostici DSM-IV-TR per il disturbo d’ansia generalizzato sono i seguenti:
A. Eccessiva ansia e preoccupazione (aspettativa apprensiva), che si verificano più giorni-rispetto a non per almeno 6 mesi, su un certo numero di eventi o attività (come il lavoro o le prestazioni scolastiche).
B. La persona trova difficile controllare la preoccupazione.
C. L’ansia e la preoccupazione sono associati a tre (o più) dei seguenti sei sintomi (con almeno alcuni sintomi presenti per più giorni-da-non negli ultimi 6 mesi).

  1. Inquietudine o sentirsi digitato o bordo
  2. essere facilmente affaticato
  3. difficoltà concentrando o mentale andare in bianco
  4. irritabilità
  5. tensione muscolare
  6. disturbi del sonno (difficoltà a cadere o rimanere addormentato, o sonno insoddisfacente inquieto)

d. Il focus dell’ansia e della preoccupazione non è limitato alle caratteristiche dell’altro disturbo Axis I (come la Phobia sociale, il DOC, PTSD, ecc.)
E. L’ansia, la preoccupazione o i sintomi fisici causano un disagio o un deterioramento clinicamente significativo nelle aree sociali, professionali o importanti del funzionamento.
F. Il disturbo non è dovuto agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (ad esempio una droga di abuso, un farmaco) o una condizione medica generale (ad esempio, ipertiroidismo), e non si verifica esclusivamente durante un disturbo dell’umore, disturbo psicotico o a Disturbo di sviluppo pervasivo.

ICD-10 criteri

f41.1 Disordine di ansia generalizzata
Nota: per i bambini possono essere applicati diversi criteri (vedere F93.80).

a. Un periodo di almeno sei mesi con tensione prominente, preoccupazione e sentimenti di apprensione, circa eventi e problemi di ogni giorno.
B. Almeno quattro sintomi fuori dal seguente elenco di articoli devono essere presenti, di cui almeno uno dagli articoli (1) a (4).

Sintomi Autonomic Sintomi (1) Palpitazioni o cuore martellante o accelerato frequenza del battito cardiaco. (2) sudorazione. (3) tremore o agitazione. (4) Bocca secca (non a causa di farmaci o disidratazione). I sintomi riguardanti il petto e l’addome (5) difficoltà a respirare. (6) Sensazione di soffocamento. (7) Dolore al petto o disagio. (8) Nausea o angoscia addominale (E.G. Bornando lo stomaco). I sintomi riguardanti il cervello e la mente (9) sentire vertigini, instabili, deboli o leggeri. (10) Sentimenti che gli oggetti sono irreali (derealizzazione), o che il proprio sé è distante o “non proprio qui” (depuralizzazione). (11) Timore di perdere il controllo, impazzire o passare. (12) Paura di morire. Sintomi generali (13) flussi caldi o brividi freddi. (14) intorpidimento o sensazioni di formicolio. Sintomi di tensione (15) tensione muscolare o dolori e dolori. (16) Inquietudine e incapacità di rilassarsi. (17) Sentirsi incidentati o sul bordo, o di tensione mentale. (18) Una sensazione di un grumo in gola o difficoltà con la deglutizione. Altri sintomi non specifici (19) risposta esagerata a sorprese minori o essere sorpreso. (20) Difficoltà nel concentrarsi o nella mente che va in bianco, a causa della preoccupazione o dell’ansia. (21) Irrietabilità persistente. (22) Difficoltà a dormire a causa del preoccupante.

c. Il disturbo non soddisfa i criteri per il disturbo del panico (F41.0), Phobic Ansia Disturbi (F40.-), disturbo ossessivo-compulsivo (F42.-) o disturbo ipocondriacco (F45.2).
D. Criteri di esclusione più comunemente usati: non sostenuti da un disturbo fisico, come ipertiroidismo, un disturbo mentale organico (F0) o un disturbo psicoattivo sulla sostanza (F1), come il consumo in eccesso di sostanze simili ad anfetamina o ritiro dalle benzodiazepine.

Trattamento

Una meta-analisi di 35 studi mostra la terapia comportamentale cognitiva per essere più efficace a lungo termine rispetto al trattamento farmacologico (farmaci come SSRI), e mentre entrambi i trattamenti riducono l’ansia, La CBT è più efficace nella riduzione della depressione.

terapia cognitiva comportamentale

Articolo principale: terapia cognitiva comportamentale

terapia cognitiva comportamentale (CBT) è un metodo psicologico di trattamento Per GAD che coinvolge un terapeuta che lavora con il paziente per capire come i pensieri e i sentimenti influenzano il comportamento. L’obiettivo della terapia è cambiare i modelli di pensiero negativo che portano all’ansia del paziente, sostituendoli con quelli positivi e più realistici. Elementi della terapia includono strategie di esposizione per consentire al paziente di affrontare gradualmente le loro ansie e sentirsi più a proprio agio nelle situazioni di ansia, oltre a praticare le competenze che hanno imparato. La CBT può essere utilizzata da sola o congiunzione con i farmaci.

CBT di solito aiuta un terzo dei pazienti sostanzialmente, mentre un altro terzo non risponde affatto al trattamento.

SSRIS

ARTICOLO PRINCIPALE: inibitore della ricaptazione della serotonina selettiva

Trattamenti farmaceutici per GAD includono inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), che sono antidepressivi che influenzano la chimica del cervello per bloccare il riassorbimento della serotonina nel cervello. Gli SSRI sono principalmente indicati per la depressione clinica, ma sono anche molto efficaci nel trattamento dei disturbi d’ansia. Gli effetti collaterali comuni includono nausea, disfunzione sessuale, mal di testa, diarrea, stitichezza, tra gli altri. Le SSRI comuni prescritte per GAD includono:

  • fluoxetina (prozac, sarafem)
  • paroxetina (paxil, aropax)
  • citalopram (Celexa, Ciproramil) o ESCITALOPRAM (LEXAPRO, CIPRALEX)
  • Sertralina (zoloft)

pregabalin

Articolo principale: pregabalin

pregabalin (Lyrica ) agisce sul canale di calcio dipendente dalla tensione al fine di diminuire il rilascio di neurotrasmettitori come il glutammato, la noradrenalina e la sostanza P. Il suo effetto terapeutico appare dopo 1 settimana di utilizzo ed è simile all’efficacia a Lorazepam, alprazolam e venlafaxina, ma la pregabalina ha dimostrato Superiorità producendo effetti terapeutici più coerenti per sintomi di ansia psichica e somatica. Le prove a lungo termine hanno mostrato un’efficacia continua senza lo sviluppo della tolleranza e inoltre a differenza delle benzodiazepine, non interrompe l’architettura del sonno e produce meno gravi riduzioni cognitive e psicomotorie; Ha anche un basso potenziale di abuso e dipendenza e può essere preferito sulle benzodiazepine per questi motivi.

altri farmaci

– droghe psicotrope

  • Buspirone (BusPar) è un agonista parziale del recettore serotonina, appartenente alla classe azaspirodecanedione di composti.
  • Duloxetina (cymbalta) – snri – tipo antidepressivo
  • imipramina (tofranil) è un antidepressivo triciclico (TCA).
  • altri antidepressivi triciclici – come clomipramina, ecc. Si ritiene che TCAS agisca su serotonina, norepinefrina e dopamina nel cervello.
  • venlafaxina (Effexor XR) è un inibitore di ricaptazione serotonina-norepinefrina (SNRI). Snris alterare le chimiche della nodepinefrina e della serotonina nel cervello.
  • Aurobazolo
  • alcuni degli inibitori di MAO – come Moclobemide, raramente nialaamide

– farmaci non psicotropi

  • propranolol (Inderal) – simpatoolytic, beta-adrenoblocker
  • clonidina – simpatilitico
  • Guanfacine – simpatilitico
  • Prazosin – simpatiticolitico, alfa-adrenoblocker

Benzodiazepines

Articolo principale: benzodiazepina

Benzodiazepines (o “benzos”) sono veloci Sedativi ipnotici che sono anche usati per trattare GAD e altri disturbi d’ansia. Le benzodiazepine sono prescritte per il disturbo d’ansia generalizzato e mostrano effetti benefici a breve termine. Il Consiglio mondiale dell’ansia non raccomanda l’uso a lungo termine delle benzodiazepine perché sono associati allo sviluppo della tolleranza, della menomazione psicomotoria, della menomazione cognitiva e della memoria, della dipendenza fisica e della sindrome di recesso. Gli effetti collaterali includono sonnolenza, ridotto coordinamento del motore e problemi con equilibrio.Le benzodiazepine comuni utilizzate per il trattamento del gad includono:

  • alprazolam (xanax, xanax xr, niravam)
  • chlordiazeposxide (libirio)
  • clonazepam (klonopin)
  • Clorazepate (Tranxene)
  • Diazepam (Valium)
  • lorazepam (Ativan)

GAD e Depression Comorbid

Nel sondaggio nazionale della comorbilità (2005), il 58% dei pazienti diagnosticato con maggiore depressione ha avuto un disturbo d’ansia; Tra questi pazienti, il tasso di comorbilità con GAD era del 17,2% e con il disturbo di panico, il 9,9%. I pazienti con un disturbo d’ansia diagnosticato avevano anche alti tassi di depressione comorbida, incluso il 22,4% dei pazienti con fobia sociale, il 9,4 percento con Agorafobia e il 2,3% con il disturbo di panico. Per molti, i sintomi della depressione e dell’ansia non sono abbastanza gravi (cioè sono sottosiordomi) per giustificare una diagnosi primaria di un disturbo depressivo maggiore (MDD) o un disturbo d’ansia. Tuttavia, il disordine distimico è la diagnosi comorbida più diffusa dei client GAD.

I pazienti possono anche essere classificati come aventi un disturbo depressivo ansia mista, e sono a rischio significativamente il rischio di sviluppare depressione o ansia completa.

L’accumulo di prove indica che i pazienti con depressione e ansia comorbida tendono ad avere una maggiore gravità malattia e una risposta di trattamento inferiore rispetto a quelle con entrambi i disordine. Inoltre, la funzione sociale e la qualità della vita sono più dannose.

Oltre a coesistere con la depressione, la ricerca mostra che GAD spesso coesiste con abuso di sostanze o altre condizioni associate allo stress, come la sindrome dell’intestino irritabile. I pazienti con sintomi fisici come insonnia o mal di testa dovrebbero anche dire ai loro medici sui loro sentimenti di preoccupazione e tensione. Questo aiuterà il fornitore di assistenza sanitaria del paziente a riconoscere se la persona soffre di GAD.

Vedi anche

  • disturbo d’ansia
  • Associazione di disturbi d’ansia di America
  • depressione clinica
  • terapia cognitiva comportamentale
  • disturbo d’ansia sociale
  1. ^ AB “Disturbi d’ansia”, Istituto nazionale di salute mentale. Accessibile 28 maggio 2008.
  2. ^ Classificazione internazionale di malattie od ICD-10
  3. ^ a b “il numero di numeri”, istituto nazionale di salute mentale. Accessibile al 28 maggio 2007.
  4. ^ lieb, r.; Becker, e.; Altamura, C. (2005). “L’epidemiologia del disturbo d’ansia generalizzato in Europa”. Neuropsicofarmacologia europea 15 (4): 445-452. DOI: 10.1016 / J.EURONEURO.2005.04.010. PMID 15951160. Modifica
  5. ^ spitzer rl, kroenke k, williams jb, et al una breve misura per valutare il disturbo d’ansia generalizzato: il GAD-7. Arch stage med. 2006 22 maggio; 166 (10): 1092-7.
  6. ^ balfunger, jc; Davidson, JR, LECRIFER, Y, NutT, DJ, Borkovec, TD, Rickels, K, Stein, DJ, Wittchen, Hu (2001). “Dichiarazione di consenso sul disturbo d’ansia generalizzato dal gruppo di consenso internazionale sulla depressione e l’ansia”. Il Journal of Clinical Psychiatry 62 fornisce 11: 53-58. PMID 11414552.
  7. ^ a b “relativo al peso dell’ansia e della depressione all’efficacia del trattamento”, Organizzazione mondiale della sanità.
  8. ^ a b Eledicina – Disturbi dell’ansia: Articolo Estratto da William R Yates
  9. ^ Cameron, Alasdair (2004). Psichiatria del corso di crash. Elsevier Ltd. ISBN].
  10. ^ kendler ks, neale mc, kessler rc, Heath AC, Giai LJ (1992). “Disordine di ansia generalizzata nelle donne, uno studio gemello basato sulla popolazione”. Archivi della psichiatria generale 49 (4): 267-72. DOI: 10.1001 / archpsyc.1992.01820040019002. PMID 1558460.
  11. ^ Robins Ln, regier da, EDS. Disturbi psichiatrici in America: lo studio epidemiologico del bacino idrografico. New York: la stampa gratuita, 1991.
  12. ^ Rickels, k; E. Schweizer (1990). “Il corso clinico e la gestione a lungo termine del disturbo d’ansia generalizzato”. J Psychofarmocelogia clinica 10.
  13. ^ Galanter, Marc (1 luglio 2008). L’American Psychiatric Publishing Publishingbook Trending Abuse Treatment (American Psychiatric Press Textbook del trattamento di abuso di sostanze) (4 ed.). Pubblicazione psichiatrica americana, inc .. p. 197. ISBN 978-1-58562-276-4. http://books.google.com/?id=6wdJgejlQzYC&pg=PA197.
  14. ^ Ashton H (2005). “La diagnosi e la gestione della dipendenza della benzodiazepina” (PDF). Psichiatria di curriculum 18 (3): 249-55. DOI: 10.1097 / 01.YCO.0000165594.60434.84. PMID 16639148. http://www.benzo.org.uk/amisc/ashdiag.pdf.
  15. ^ lindsay, s.j.e.; Powell, Graham E., EDS. (28 luglio 1998). Il manuale della psicologia adulta clinica (2nd Ed.). Routledge. p. 173. ISBN 978-0-415-07215-1. http://books.google.com/?id=a6A9AAAAIAAJ&pg=PA173.
  16. ^ cargiulo t (marzo 2007). “Comprendere l’impatto sulla salute della dipendenza da alcol”. AM J Health Syst Pharm 64 (5 suppL 3): S5-11. DOI: 10.2146 / AJHP060647. PMID 17322182.
  17. ^ Weterling T; Junghanns, K (settembre 2000).”Psicopatologia degli alcolizzati durante il ritiro e l’astinenza precoce”. Psychiatry EUR 15 (8): 483-88. DOI: 10.1016 / S0924-9338 (00) 00519-8. ISSN 0924-9338. PMID 11175926.
  18. ^ Cohen si (febbraio 1995). “Alcool e benzodiazepine genera ansia, panico e fobie”. J R SOC MED 88 (2): 73-77. PMC 1295099. PMID 7769598. //www.puubmedCentral.nih.gov/articlerending.fcgi?tool=pmcentrez.&

Artid = 1295099.

  • ^ Cohen si (febbraio 1995). “Alcool e benzodiazepine genera ansia, panico e fobie”. J R SOC MED 88 (2): 73-77. PMC 1295099. PMID 7769598. //www.puubmedCentral.nih.gov/articlerending.fcgi?tool=pmcentrez.&
  • Artid = 1295099.

  • ^ morissette, sb.; Tullo, mt; Gulliver, sb.; Kamholz, BW.; Zimering, RT. (Mar 2007). “Ansia, disturbi d’ansia, uso del tabacco e nicotina: una revisione critica delle interrelazioni.”. Psychol Bull 133 (2): 245-72. DOI: 10.1037 / 0033-2909.133.2.245. PMID 17338599.
  • ^ a b c Etkin A, Prater Ke, Schatzberg AF, Menon V, Greicius MD. (2009). “Interruzione della connettività funzionale del subregion Amygdalar e della prove di una rete compensativa nel disturbo d’ansia generalizzato”. ARCH GEN Psychiatry 66 (12): 1361-72. DOI: 10.1001 / Archgenpsychiatry.2009.104. PMID 19996041.
  • ^ Associazione psichiatrica americana. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, la quarta edizione rivista. Revisione del testo. Psychiatric Press, Inc., Washington, DC: 2000
  • ^ gould, r. a.; Otto, M. w.; Pollack, M. h.; Yap, L. (1997). “Cognitivo comportamentale e trattamento farmacologico del disturbo d’ansia generalizzato: una meta-analisi preliminare”. Terapia del comportamento 28 (2): 285-281. DOI: 10.1016 / S0005-7894 (97) 80048-2. Modifica
  • ^ “Una guida per comprendere le psicoterapie cognitive e comportamentali”, Associazione britannica per psicoterapie comportamentali e cognitive. Accessibile al 29 maggio 2007.
  • ^ a b c d e “disturbo d’ansia generalizzato”, la clinica di mayo. Accessibile al 29 maggio 2007.
  • ^ Barlow, D. h.: (2007) Manuale di disturbi psicologici dei disturbi psicologici, 4 ° ed.
  • ^ “SSRIS”, Clinica Mayo. Accessibile al 29 maggio 2007.
  • ^ bandelow, b.; Wedekind, d.; Leon, T. (luglio 2007). “Pregabalin per il trattamento del disturbo d’ansia generalizzato: un romanzo intervento farmacologico”. Esperto Rev Neurterh 7 (7): 769-81. DOI: 10.1586 / 14737175.7.7.769. PMID 17610384.
  • ^ Owen, Rt. (Set 2007). “Pregabalin: il suo profilo di efficacia, sicurezza e tollerabilità in ansia generalizzata”. Droghe oggi (Barc) 43 (9): 601-10. DOI: 10.1358 / DOT.2007.43.9.1133188. PMID 17940637.
  • ^ AllGulander, c.; Bandelow, b.; Hollander, e.; Montgomery, SA.; Nutt, DJ; Okasha, a.; Pollack, mh; Stein, DJ. et al. (Ago 2003). “Raccomandazioni WCA per il trattamento a lungo termine del disturbo d’ansia generalizzato”. CNS SPECTR 8 (8 suppL 1): 53-61. PMID 14767398.
  • ^ Stewart SH, WESTRA HA (2002). “Effetti collaterali della benzodiazepina: dalla panchina alla clinica”. Cur. Pharm. Des. 8 (1): 1-3. DOI: 10.2174 / 1381612023396708. PMID 11812246. .
  • ^ wolitzky-taylor, k.b.; Castriotta, n.; Lenze, e.j.; Stanley, m.a.; Craske, m.g. (Feb 2010). “Disturbi d’ansia negli anziani: una recensione completa”. Deprimere l’ansia 27 (2): 190-211. DOI: 10.1002 / DA.20653. PMID 20099273.
  • ^ lee, s; Wu, j.; Ma, y.l.; Tsang, a.; Guo, w.j.; Sung, J (31 agosto 2009). “La sindrome dell’intestino irritabile è fortemente associata al disturbo d’ansia generalizzato: uno studio comunitario”. Farmacologia alimentare & terapeutica 30 (6): 643-51. DOI: 10.1111 / J.1365-2036.2009.04074.x. PMID 19552631.
  • Ulteriore lettura

    • kessler rc, chiu wt, demler o, walters ee. Prevalenza, gravità e comorbilità dei disturbi DSM-IV di dodici mesi nella replica nazionale del rilevamento della comorbilità (NCS-R). Archivi di psichiatria generale, 2005 giugno; 62 (6): 617-27.
    • marrone, ta, o’leary, ta, & Barlow, DH (2001). Disturbo d’ansia generalizzato. A D.H. Barlow (Ed.), Manuale clinico dei disturbi psicologici: un manuale di trattamento passo-passo (3 ° ED). New York: Guilford Press.
    • Barlow, D. H., & DURAND, V. M. (2005). Psicologia anormale: un approccio integrativo. Australia; Belmont, CA: Wadsworth.
    • tyrer, p; Baldwin, D. (2006). “Disordine di ansia generalizzata”. Lancet 368 (9553): 2156-2166. DOI: 10.1016 / S0140-6736 (06) 69865-6. PMID 17174708.4247EAFF “>

      umore (affettivo)

      Neurotico, correlato allo stress e somatoform

      • Disturbo di panico
      • Attacco di panico
      • disturbo d’ansia generalizzato
      • ocd
      • stress
      • (reazione di stress acuto
      • ptsd)

      ALTRO
      / TD>

      Comportamento fisiologico / fisico
      NONORGANIC
      Disturbi del sonno

      personalità per adulti e comportamento

      Identità sessuale e
      Gender
      ALTRO

      • ADHD
      • Disturbo di condotta
      • (dispari)
      • Disturbo emotivo
      • (disturbo d’ansia di separazione)
      • funzionamento sociale
      • (mutismo selettivo
      • rad
      • papà)
      • disturbo tic
      • (sindrome da tourette)
      • parlato
      • (balbettatura
      • ingombraring)
      • > Disturbo del movimento
      • (stereotipico)

      Sviluppo psicologico
      (Disturbo Sviluppo)

      sintomi e non categorizzato

      proc (Eval / Thtt), farmaco (N5A / 5b / 5C / 6A / 6b / 6D)

      M: PSO / PSI

      DSRD (O, P, M, P, A, D, S), SYSI / EPON, SPVO

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *