Articles

Definizione – IDOL Segnala un problema

idolo (s)

1. Figura, statua che rappresenta la divinità ed esposta all’adorazione. Un idolo di pietra, legno. I sacerdoti degli idoli.

• Se non richiamiamo le ginocchia davanti a un muto idolo (auto. Esth II, 9)

• Se nessuno sa quando iniziarono gli uomini Per fare idoli, sappiamo che sono della più alta antichità (Volt. Phil. idolatria.)

• Questi pastori crudeli …. Ciò rendono servire i tesori del santuario con decorazioni secolari, che eretti Idoli dei detriti dell’altare … (Messa. Divertimento. Villars.)

La stessa divinità del idolo rappresenta.

• fino a quando quando, idolo fuorviante, di un vergognoso E culto frivolo, onoremo i tuoi altari? (J. Rouss. Ode to fortune.)

fig. Per flettere il ginocchio davanti all’idolo, piegarsi davanti a una persona ricca, potente, ecc.

• Si pensava che tutto guadagnerà di fronte a questo idolo della corte (Patrtru plaid 13, A Rielet)

• Non sappiamo quanto hanno buoni persone che non hanno influenzato il ginocchio di fronte all’idolo (jj rouss. v)

in alto stile. Idolo dell’iniquità, l’iniquità considerata come un idolo che viene servito.

• rinuncia a questo idolo dell’iniquità che è stata fatta nella sua rabbia (Patrtru plaid. 2, in fretta)

2. Figura. Persona a cui i onori sono prodigrati, lode.

• C’è sempre stato, in corsi, idoli e idolatri (Balz. Il principe, 5)

• al primo impostore. … chi …. vorrà servire come un idolo al suo zelo incantato (mais. Heracl i, 1)

• Quale errore a un cristiano, e di nuovo a un cristiano penitentista, da adornare Ciò che è inutile solo del suo disprezzo, di dipingere e aderire all’idolo del mondo, da ricordare come con la forza e con un migliaio di artifici sia indegni che in uso, queste grazie che volano nel tempo? (Bossuet Anne de Gonz.)

• Quale creatura non è mai stata più pulita ad essere l’idolo del mondo? Ma questi idoli che il mondo amano, quante tentazioni delicate non sono esposte? (Bossuet Duch. ORL.)

• Queste piccole prelibatezze che notiamo la maggior parte dei grandi, con le quali un semplice oblivion è un crimine che solo mille trattamenti e lunghe assidenti possono espiare; Indoli vani che possono essere indirizzati solo con strisciando … (massa. Villars.) Non c’è principe o grande, nonostante la bassezza e la deregolamentazione della sua morale e delle sue inclinazioni, a cui i vanitori hanno promesso la gloria … È Vero che il mondo, che aveva sollevato questi idoli di fango, rovesciarsi il giorno successivo (massa. Piccola Quaresima, Gloria).

L’idolo del giorno, il giorno prima, chiunque eccita entusiasmo, ammirazione Oggi, chi lo ha eccitato ieri.

3. Persona che è oggetto di un eccesso di affetto.

• che ti ho reso un idolo nel mio cuore (sev. 48)

• Il principe è l’idolo del re; Più la sua tenerezza per il figlio aumenta, più sembra che il suo amore per la madre diminuisca (Mainston Lett a Mrs de St Geran, 28 ottobre 1679)

• Qui tu sei solo con te stesso che era il tuo idolo (fen. xviii)

• Quando sono tornato da mia madre, ero così guardato alla corte e il mondo che aveva rispettato per me, invece di rimproverarmi con la mia testardaggine per le armi; Ero il suo idolo (hamilt. Gramm 9)

• Il cuore …. si stanca dei suoi idoli (Messa. Quaresima, peccaminosa)

• Il Duca di Guise era l’idolo delle truppe e del partito cattolico (Saint-Simon 374, 3)

• Gustave VASA, l’eroe e l’idolo della Svezia (Volt. Moors, 119)

• Blanca de Sivar era l’idolo di suo padre (chateaub. Ultimo Abenc)

4. Cosa rende il soggetto dell’affetto di qualcuno, la passione di qualcuno.

• Questo onore è sempre stato l’idolo degli uomini (Pasc. 14)

• Voglio rendermi un idolo di reputazione e amicizia (Fen. XVIII, P.36)

• Molto tempo fa che gli uomini, sempre invano, fanno il loro idolo della gloria (massa. Auto piccola. Gloria).

5. Dice di un uomo che sta aiutando a non fare nulla. È qui come un idolo.

• Per prima cosa non conoscevamo solo un tiro di idolo dalla bocca una sola parola (Mayiret Soliman, III, 8)

E per interferire con Un piacevole più toccante di un idolo di coniugi e segni dei bambini (mol. Donne sav. I, 1)

• lysimon: il secondo dei miei figli è solo un idolo franco; Lo sai. – Pyrante: beh? – Lysimon: ho fatto un abate (desktop irresoluto, i, 1)

un idolo, parlando di una donna, colui che ha poco la mente e che sembra insensibile come una statua. È bella, ma è un idolo, un vero idolo.

• Poppée è il bel idolo che ha dovuto sollevare e rompere un capriccio di Nerone (Ampere Hist. Roma a Roma, Introd. P. lv)

6.Idolo moresco, pesce dal mare dell’India.

idolo dei negri, Boa Devin.

Shell univalente.

Nota

il tipo di questa parola variava; L’idolo è la masculina in corvo, nella fontana: – e la capsule sarà solo un idolo sacro che manterranno sull’altare per rispondere alla loro volontà (mais. Othon, III, 1) – mai idolo, qualunque cosa abbia fatto cucinare il barilotto così grasso (Font. Fabl. IV, 8) Il GRANUE ha detto che Ecole era migliore nel maschile, Gramm. p. 249. È femminile in Malherbe: come un Idolo lamentoso, III, 1. È questo tipo prevalso. Coloro che erano l’idolo maschile obbediscono all’etimologia (Idolum latino); Coloro che la fecero femmina obbedirono alla fine, che è femminile.

cronologia

xie s.- touz the yd the yd the only theret well (ch rool . CLXXXV) – ymages aerodinamito e tutti gli ydeles (Ib cclxviiii)

xiie s.- li pecciez di ascello aürer (re, p.56)

xiiiy s .- Non dire , Biau Presher, dove Tex Ydoles ha Lor ESTRE (La Rose, 18460) – e da questo inizio la gente porterà le ydles (Brown Latini: 31)

Xvie S.- Se un uomo potrebbe nutrirsi di Oro, dove era un bellissimo idolo! (Palissy 226) – Ore tra le mie braccia, minerale di fronte ai miei occhi, fai l’idolo della mia signora (Rans. 17) – rompendo le finte delle tue mani, dai loro dei sarai Maustre (Rans. 443) – Maschere di re, idoli animati e non pastori NY Princes of the Armies (Rans.652) – Baciando per il vero L’idolo della bugia (Rans. 256) – Sai che quando questo idolo dell’Eschevin avrà dato il Parola, che non lo cambiano tra loro? (Carlix IV, 14)

Etimologia

Provenç. e ital. Idola; Spagnolo. e Portug. Idolo; Lat. idolo; che proviene dal greco, immagine, statua, idolo; Come lo stesso radicale come il greco, la forma, l’idea (vedi idea). A IDOLUM (O lungo), l’accento è attivo, e la forma regolare è, in francese, idolo; Tuttavia, in testi molto vecchi, troviamo inattivo; È quindi necessario ammettere che c’è stato, in latinità, almeno al momento della formazione delle lingue romanzesche, una pronuncia con accento sul rispetto dell’accentuazione greca; Confronta inchiostro, che offre un caso del genere.

supplemento al dizionario

idolo. – REM. Corneille Chi ha fatto l’idolo del maschile, lo ha fatto anche dal femminile: Angelique non ha un fascino per difendermi dai tuoi colpi; È solo un idolo in movimento, posto Royal, II, 3. Malherbe, che lo ha reso femminile, lo ha fatto maschio: il tuo onore, i più vani idoli, t. Io, p. 227, ed. Regnier.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *