Articles

Discorso di Jacques Chirac sulla lotta contro il cancro

Mr. Prime ministro,
Ministri, signore, signori,
Ti ho inserito nel cuore del mio mandato Tre progetti essenziali: Sicurezza stradale, disabilità e cancro. Siti di costruzione in cui la vita è coinvolta e la nostra società deve fare progressi decisivi.

Qui ci sono tre anni, ti ho raccolto per impegnarsi nella mobilitazione nazionale del cancro. Era necessario rifiutare la fatalità e il piombo, insieme, la lotta per la vita. Riflight Paura, sofferenza, discriminazione. Rendi la nostra società più umana, più solidale.

In tre anni, grazie a te – Professionisti sanitari, ricercatori, associazioni di pazienti – il gioco è cambiato. Hai unito i tuoi punti di forza insieme alle autorità pubbliche e al National Cancer Institute, che presiede del professor Khayat che desidero salutare per il suo impegno, per la sua azione efficace, umana e risoluta. L’azione che è stata condotta deve indubbiamente molto.

I risultati sono lì. In tutte le aree della lotta contro il cancro abbiamo marcato punti. Ma il tempo non è ovviamente i bilanci. È un nuovo impulso per progredire di nuovo.

Primo dominio, quello delle dipendenze. Penso a tabacco, alcool, ma anche a cannabis. Queste dipendenze sono le principali cause del cancro. Non sono solo comportamenti individuali. Non sono ridotti a regole o per i divieti. Sono anche malattie che devono essere trattate come tali. Per questo gli spiriti e il nostro sistema sanitario devono evolversi.

Per combattere il fumo, volevo agire attraverso la prevenzione e i prezzi. La Francia ha un milione di quattrocentomila fumatori meno di tre anni. È un vero progresso. Per rafforzare questa azione e combattere il fumo passivo, la questione del divieto di fumare nei luoghi pubblici attualmente sorge. Dibattito approfondito e consultazione devono aver luogo. Questa è la chiave per tale evoluzione da accettare e può diventare efficace. Il governo e il primo ministro hanno impegnato questo dibattito. Una missione parlamentare sarà costituita. È su queste basi che saranno prese le decisioni finali, prima della fine dell’anno.

Oltre il problema del tabacco, prende un piano d’azione globale contro le dipendenze. Sarà presentato dal governo, e questo nei prossimi mesi. Faremo un servizio di addictology in ogni Chu. Organizzeremo consultazioni addictologiche negli ospedali e assegneremo ulteriori posizioni di praticanti ospedalieri. L’addictologia deve anche trovare il suo posto nella formazione dei medici.

Le dipendenze devono anche diventare un campo essenziale per la ricerca medica e farmaceutica. Ricordiamoci come la depressione è stata presa durante alcuni anni fa. Misuriamo la grandezza del percorso percorsa grazie alle nuove molecole. Per le dipendenze, siamo all’alba di un’evoluzione della stessa natura.

La nostra ricerca di base e clinica deve renderlo prioritario. L’Istituto nazionale del Cancro, gli organismi di ricerca pubblica, l’Agenzia nazionale di ricerca, l’Agenzia Innovazione industriale deve impegnarsi in modo risolutamente. È una partecipazione umana essenziale, per quanto riguarda le sofferenze di dipendenti e il loro entourage. È anche un importante problema economico per il nostro settore.

Secondo dominio dove è necessario accelerare: screening. Sezione per il cancro al seno, così spesso menzionato, è ora generalizzata. Era tempo. Il numero di mammografie è raddoppiato in due anni. Ma troppe donne non si prestano sempre, neanche dalla mancanza di informazioni o da una paura irrazionale che combina il rilevamento e la malattia.

Chiedo all’Istituto di cancro e assicurazione. -Maladia per impegnarsi in modo tale da impegnare il cancro al seno Lo screening diventa più di un diritto: una realtà per tutte le donne.

Cancro e lo screening del cancro del colon-retto sono ora impegnati. Era indispensabile. Ma c’è anche il cancro alla prostata, che è il terzo più mortale degli umani. La sua proiezione deve essere valutata, dal prossimo anno, in alcune regioni pilota, in vista della sua possibile implementazione generale. Avremo il sistema di screening più completo del mondo.

Voglio anche che il governo e le parti sociali stiano aumentando di più per rafforzare la prevenzione dei tumori professionali.

Terza area, area di Azione: ricerca e priorità, genoma e cancro. Questa è la chiave per migliorare le diagnosi, per avere trattamenti più efficienti, mirati e migliori.Ancora impossibile tre anni fa, l’analisi su larga scala delle predisposizioni del cancro genetico può ora essere impegnata.

Chiedo al governo di lanciare un programma di ricerca nazionale mobilitando, attraverso il Carcino, il miglior ospedale e team scientifici . Dovrà fare affidamento sul centro per lo studio del polimorfismo umano e del Centro nazionale genotipo.

Dobbiamo anche sfruttare tutti i progressi compiuti per tre anni per migliorare ulteriormente la qualità della cura e migliorare Rispettare i diritti dei diritti dei malati.

Per quanto riguarda l’organizzazione delle cure, stiamo prendendo un passo decisivo stabilendo una procedura di autorizzazione per gli stabilimenti che avranno diritto a prendere il responsabile dei pazienti con cancro. Ma ora, lavorando con l’Istituto Cancer e il Consiglio dell’Ordine, alla prossima fase: quella dell’etichettatura delle squadre mediche. Di fronte a una malattia così ansiosa come cancro, ogni paziente deve essere sicuro, ovunque nel territorio nazionale.

In termini di attrezzature, abbiamo raggiunto il nostro ritardo, abbiamo ridotto di quasi il 40% di attesa un esame MRI. Continueremo i nostri sforzi di equipaggiamento e miglioreremo il suo uso. I dispositivi devono essere in grado di funzionare a pienomente, espandendo gli slot del tempo e consentendo i medici, praticando in città, usare attrezzature ospedaliere.

Nel campo dei trattamenti, di fronte alle disuguaglianze che esistevano lì. Ancora tre anni, abbiamo fatto un grande passo finanziando farmaci innovativi per tutti. La sfida ora è la personalizzazione dei trattamenti. I poli del cancro regionali devono mettere in atto piattaforme per stabilire la carta d’identità del tumore. E chiedo all’Istituto Cancer di designare, per ogni tumore raro, un centro di riferimento, al fine di garantire l’esperienza e diffondere le buone pratiche.

Combattere il cancro, c ‘È anche quello di garantire che la vita possa riprendere I suoi diritti, durante la malattia come dopo i trattamenti.

La generalizzazione del dispositivo di annuncio, progettato e desiderato dalle associazioni dei pazienti, è ora una realtà. Grazie a lui, l’ingresso nella malattia diventa più umana. Ora dobbiamo mettere in atto un dispositivo per accompagnare il ritorno alla vita quotidiana quando il trattamento ospedaliero è completato. Ciò richiede un monitoraggio e trattamenti specifici, sostegno psicologico e sociale e misure per promuovere il ritorno all’occupazione. Spero che la sperimentazione di questo nuovo dispositivo, organizzata con il medico partecipante, le reti di assistenza, le associazioni dei pazienti, o condotte il prossimo anno per una generalizzazione nel 2008. E questo sul modello degli esperimenti effettuati dalla Lega contro il cancro, Sotto l’impulso del suo presidente il Henri Pujol, a cui voglio pagare tributo.

Vita, con o dopo il cancro, è anche possibile fare progetti e lo svolgimento Questo ovviamente si riferisce alla questione dell’accesso all’assicurazione e al prestito. La convention Belgey ha segnato un progresso molto reale. Ma dobbiamo porre rimedio al problema dell’assicurazione della disabilità, promuovendo più trasparenza per la concessione di polizze assicurative, istituire un’autorità di mediazione reale per trovare le soluzioni ai file contestati e rendere più sopportabile l’importo dei supplementi relativi allo Stato di salute.

Auguro ai negoziati su un nuovo vantaggio prima del 30 giugno. Verrà quindi archiviato un disegno di legge o per dedicare il progresso della negoziazione, se necessario, per sostituirlo.

Signore, signori, puoi indubbiamente essere orgogliosi del lavoro che hai realizzato insieme per tre anni . La Francia è ora riconosciuta come in prima linea nella lotta contro il cancro al mondo.

Ma per gli ammalati, per i loro parenti, per l’intera società, abbiamo il dovere di continuare e amplificare questa lotta per la vita. So che posso contare sul tuo impegno, sulla tua ambizione, nel tuo cuore, sulla tua competenza. E puoi contare sulla mia determinazione al tuo fianco.

Grazie.

il mondo

  • condivisione
  • condivisione disabilitato Condividi disabilitato
  • Condividi disabilitato Invia per e-mail
  • condivisione disabilitato Condividi disabilitato
  • Condividi Condividi disabilitato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *