Articles

Dizionario di Antiquariato romano e greco – Anthony Ricco (3 ° 1883)

D

Egg. A parte il suo senso, questa parola si riferisce in particolare alle palline rastremate, sotto forma di uova, che sono state collocate nella parte superiore di un tavolo di pietra supportato da colonne, sulla barriera (Spina) che condivise dal mezzo un circo (circo ), per indicare agli spettatori il numero di trucchi che, in ogni gara, erano già stati fatti dai concorrenti. Poiché ogni razza consisteva in sette torri di arena, e che l’entusiasmo e l’interesse che la popolazione portati in questo tipo di spettacoli sarebbe quasi delirante, era necessario inventare alcuni mezzi di mostrare in ogni momento a tutti i turni già fatti , in modo da rimuovere qualsiasi possibilità di controversia.

Questo è il risultato che abbiamo ottenuto per mezzo di questi ovoidi; Sette sette, nel pannello annesso, supportato su quattro colonne, poiché sono rappresentati sulla spina in un bassorilievo romano dove è scolpito una gara di carro. Questo modulo era stato scelto in onore di Castore e Polluce. A volte abbiamo sollevato una di queste uova come una svolta è stata completata dal serbatoio che tiene la testa; A volte, all’inizio di ogni gara, tutte le sette uova furono sollevate, e uno è sceso da uno a ogni tour finito. Quali di questi due metodi sono stati generalmente adottati, cioè ciò che non sappiamo bene, e qual è il soggetto di forti discussioni; In ogni caso, il risultato era lo stesso, e forse l’uso variava in base ai tempi e ai luoghi (Liv. XLI, 27; Varro, RR I, 2, 11; Cassiodor. Var. EP. III, 51; DIO, XLIX , p.417).

Illustrazione aggiuntiva

Piccoli amori giocando una gara

Copia di un sarcofago di III ° S. Dopo JC
Römisch-Germanisches Zentralmuseum, Mainz (Germania), 2002

© Agnès Vinas

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *