Articles

Il più grande produttore americano di carbone deposita il suo bilancio

Peabody Energy, il più grande produttore di carbone negli Stati Uniti, ha annunciato mercoledì per aver effettuato la protezione della legge statunitense sulla bancarotta (Capitolo 11) .

La richiesta di questa procedura, che consente a una società di ristrutturare e rinegoziare il suo debito con i suoi creditori, è stato depositato con un tribunale fallimentare. Missouri, Stato del centro degli Stati Uniti dove si basa il Gruppo.

Questo deposito del bilancio è mira a “rafforzare il flusso di cassa e ridurre il debito”, indica in una dichiarazione della società.

Peabody Energy, che prevede di continuare le sue attività il tempo del la procedura, non includeva le sue controllate in Australia nella procedura.

“È stata una decisione difficile da prendere, ma c è il bene per consentire a Peabody di andare avanti”, ha commentato il Glenn Kellow Group, citato il comunicato stampa.

Il gruppo è vittima come l’Ensembl Il settore delle materie prime nella recessione economica globale e la sovrabbondanza di offerta che ha portato a un calo dei prezzi. Il costo della tonnellata del carbone ha perso da 10 a 15 dollari nel 2015.

Il settore soffre anche basso prezzo del gas naturale.

Arch Coal, Grand Rival of Peabody e il secondo produttore di carbone americano, ha presentato il suo bilancio a gennaio.

Peabody Energy, che ha presentato un debito di $ 6,3 miliardi alla fine del 2015, ha già ottenuto strutture di pagamento fino a $ 800 milioni come parte del deposito fallimentare.

Aveva avvertito a metà marzo che, il fallimento di essere stato in grado di pagare $ 71,1 milioni di interesse per un debito, lo era Ai margini della bancarotta.

Peabody Energy ha anche annunciato il mercoledì che un gruppo che doveva riscattarlo dei beni in Colorado (ovest) e nel New Mexico non poteva finalizzare la transazione. Questa vendita gli avrebbe permesso di ridurre il suo debito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *