Articles

Il ruolo della nutrizione nella protezione contro le ferite causata da sub-commozioni del cervello

  • siruit

pubblicato il 12 marzo 2021 di Ashley Armstrong, MexSpsc., RD, CSSD

Questo articolo è il secondo in una serie due relativi al Collegamenti tra nutrizione e bonifica causati da Sport. Il primo articolo si è concentrato sul ruolo della nutrizione nella guarigione cerebrale dei prodotti. Questo articolo si concentra sul potenziale di nutrizione per contribuire alla protezione contro i sub-commozioni cerebrali.

Le sottoscherzioni ripetitive sono il risultato di impatti sulla testa ripetitiva causata da forze di accelerazione lineare e rotazionale sul cervello, ma citate sotto la soglia che può portare a osservato cerebrale concordante. Atleti che praticano contatto e combattimento Sport, calcio, rugby, boxe, lotta e il gran numero di colpi di questi impatti ripetitivi che possono comportare sotto-commozioni nelle loro stagioni e competizioni di formazione. Ad esempio, i desocchi nel campo dell’élite rugby hanno rivelato che i giocatori attraverso una media di 564 ± 618 impatti per stagione (re, Hume, Brughelli Etigissane, 2014). Nel football americano, le misure hanno rivelato che gli atleti e gli atleti a livello universitario hanno sofferto tra 100 e 1.000 impatti durante la stagione (Batile, Petraglia, Omalu, Neuman, Talabe, 2013).

allegro giovani giocatori di rugby sul campo

atleti che soffrono di questo tipo di lesione spesso senza sintomi e non sono quindi stati rimossi da Il gioco (Johnson, Neuberger, Gay, Hallett e Slobounov, 2014, re, Hume, Brughelli e Gissane, 2014, Bateriles, Petraglia, Omalo, Neuman, Talabe, 2013). Le conseguenze relative a una sub-cerebrale cerebrale sono ancora scarsamente comprese, ma la prova sta cominciando ad accumularsi relativa al potenziale effetto negativo di queste lesioni cerebrali a lungo termine, comprese le sindromi neurologiche croniche come la cronaca traumatica encefalopatia, che può portare a un intero Serie di difficoltà cognitive, emotive e comportamentali e disfunzioni (Oliver, Anzalone e Turner, 2018, Baugh et al., 2012).

La gestione e lo sviluppo efficaci della sub-cerebrale sono complicati per lo sport sono complicati . Molte di queste ferite non sono riportate, diagnosticate e trattate a causa della mancanza di sintomi a breve termine, che crea devotecle a una gestione e recupero efficaci. La modifica delle correnti e delle pratiche correnti in contatto e in combattimento le infrazioni sportive per prevenire i subfornizioni cerebrali, ma i cambiamenti depolistici e la coltivazione sportiva possono richiedere del tempo. Cosa esistono più altra altro per sostenere la salute degli atleti?

Lo scopo di questo articolo è quello di esaminare le strategie di nutrizione che sembrano promettendo di proteggere il cervello nello sport che stanno vivendo un gran numero di sub-commotioncerebran. Le abitudini alimentari e gli integratori dei nutrienti sono promettenti in questo settore quando le strategie sono adottate beforeset dopo gli impatti. L’articolo fornisce raccomandazioni alimentari e guarda i nutrienti e supplementi specifici che valgono la pena in termini di neuroprotezione.

strategie alimentari: idratazione e fonti di lipidi di alta qualità e carboidrati

Proprio come raccomandazioni a Supporta le persone con commozioni cerebrali diagnosticate, dovrebbero anche essere adottate strategie alimentari specifiche negli sport ad alto rischio di sub-commozioni del cervello. Fattori come la disidratazione e la dieta ricca di grassi saturi e zuccheri raffinati sono stati dannosi per le funzioni cognitive perché aumentano i livelli di stress ossidativi (Oliver, Anzalone e Turner, 2018, Meesen e Decroix 2018; Wu, Molteni, Ying e Gomez-Pinilla, 2003 , Wu, Ying e Gomez-Pinilla, 2004, Gomez-Pinilla e Kostenkova, 2008, Wu, Ying e Gomez-Pinilla, 2014, Weber et al., 2013). Gli atleti dovrebbero sforzarsi di adottare una dieta che include scelte di carboidrati e lipidi di alta qualità nell’80-90% dei casi, oltre a ottimizzare la loro idratazione quotidiana. La tabella 1 mostra una varietà di scelte di carboidrati e lipidi di alta qualità, nonché liquidi idratanti. Il supporto di un dietologo dello sport può aiutare un atleta a migliorare la loro dieta di base ogni giorno.

Tabella 1: Elenco di liquidi idratanti di alta qualità, carboidrati e lipidi (Maughan et al., 2016, Healthlinkbc, 2018)

grani ricchi di fibre:

  • quinoa
  • riso a grana lunga
  • orzo, kamut, aramath
  • pasta, cotto Beni e cereali integrali, multigrazzi o germogliati
  • Vecchia farina d’avena o taglio in esecuzione, muesli, crema di grano
  • cereali multipli o interi
  • barre ad alta fibra di granolas (> 4 G di fibre e < 8 g di zucchero)

legumi:

legumi:

legumi:

>

  • ceci, fagioli rossi, lenticchie, piselli rotti, fagioli neri, ecc.

Verdure Amid:

  • Yams, patate dolci , patate, mais, zucca, squash

Tutti i frutti:

  • Frutta intera fresca e congelata, frutta in contro Erve in acqua, frutti secchi non patinati

Latticini e sostituti della latticini:

  • yogurt di frutta, natura o naturalmente dolce a basso contenuto di grassi
  • bevande contenenti prodotti lattisini lattiero-caseari o a basso contenuto di grassi
Scelta di idratanti Scelta di carboidrati di alta qualità

Scelta di lipidi di alta qualità

  • acqua
  • latte vaccino basso in grasso
  • latte di soia
  • latte di mandorle
  • altre bevande di erbe (ad es. Ripple®)
  • kefir
  • smoothie house
  • zuppe calde e fredde
  • succo di frutta al 100%
  • Tè caffè e decaffeinato
  • caffè e tè caffeinato (fino a 400 mg di caffeina)
  • bevande a base di elettroliti e B Anche le unità sportive sono eccellenti per l’idratazione, ma dovrebbero essere utilizzate in circostanze specifiche sul consiglio di un dietologo dello sport.
  • pesce grasso come il salmone, le sardines, sgombro , acciughe
  • carni di pollame e carne rossa (p. ex. Manzo tritato magro-extra)
  • prodotti lattiero-caseari a basso contenuto di grassi (0-2% di grasso dal latte)
  • uova (es. Omega-3 uova)
  • olive
  • Avvocati
  • Olio d’oliva extra vergine, olio di avvocato, olio di canola, olio di girasole, olio di sesso di cartamo
  • Margarines non idrogenati
  • Varietà di noci e semi
  • dadi da dado (particolarmente burro del dado naturale)

Gli atleti che praticano gli sport ad alto rischio di sub-cerebrale cerebrale devono anche garantire che siano ben idratati durante la formazione e la concorrenza e lavorare con un dietologo dello sport per regolare i loro pasti e spuntini Prima della formazione e delle partite per includere carboidrati di qualità e lipidi. La Tabella 2 offre agli atleti alcune indicazioni generali sulle raccomandazioni dietetiche e le idee sulla formazione e la concorrenza.

Tabella 2: idee di pasti e snack prima della formazione e prima delle partite (Thomas, Erdman e Burke, 2016)

Periodo di consumo prima dell’allenamento

da 2 a 4 ore prima

da Da 1 a 2 ore prima

da 30 a 60 minuti prima

Raccomandazioni alimentari

  • da 5 a 10 ml di liquido per kg di peso corporeo (~ 2-4 ml / lb); Dona un’urina di colore giallo pallido
  • carboidrati ricchi con quantità moderate di proteine e una piccola quantità di grasso buono
liquido sorsi liquidi da mantenere Idratazione

  • Collazione ricca di carboidrati con quantità moderate di proteine e lipidi
    • solgés di liquido per mantenere l’idratazione
    • se necessario: piccolo spuntino ricco di carboidrati, basso in proteina e nei lipidi
    Esempi di idee pasti e snack
    • sandwich on un bagel di grano intero con carne magra, maionese a basso contenuto di grassi e verdure, accompagnata da una bevanda basata sui latticini o dal lattosio-libero 1 o il 2% di grasso
    • verdure saltate, pollo e riso cucinato con olio d’oliva con a Salsa di Teriyak. Ho aggiunto, e acqua
    • Pancake e uova con yogurt e frutta, con acqua e succo di frutta con il 100%.
    • frullato con una bevanda basata sui prodotti lattiero-caseari o senza lattosio a 1 o 2% di grasso, frutta, yogurt greco e avena aggiunta, misto
    • panino panino e burro di arachidi con acqua
    • Perfetto con frutta e yogurt fatto in casa: yogurt greco aromatizzato naturalmente con frutta tritata e cereali Kashi Vai magra o muesli sulla parte superiore
    • sorsi di una bevanda sportiva (casa o commerciale)
    • barrette e acqua
    • 1/2 a 1 banana e acqua

    creatina

    come noi Sono stati descritti nella prima parte di questa serie, la creatina fornisce una riserva adenosinetrifosfato (ATP) che può supportare B Aumento degli stage di energia associati al recupero del cervello dopo un cervello (Ainsley Dean, Arikan, Opitz e Sant’Ansley, 2017). Da un punto di vista neuroprotettivo, con un livello ricco di creatina per aumentare le concentrazioni cerebrali contribuirebbe a mantenere l’omeostasi di energia. Questo effettore è stato dimostrato quando i soggetti sani hanno assunto disperazione di creatina monoidrato e poi ha chiesto di compiere un certo numero di compiti cognitivi in uno stato di privazione dell’ossigeno, simulando la crisi energetica sperimentata al potenziale commozione cerebrale e cerebrale (Turner, Byblow e Grant , 2015, Ainsley-Dean, Arikan, Opitz e San Privatore, 2017). I partecipanti che hanno ricevuto i dispositivi preventivi hanno mostrato un miglioramento delle loro prestazioni in questo stato indotto dall’ipossia (Turner, Byblow e Grant, 2015). Dare un’elevata concentrazione di creatina al cervello prima della lesione, può essere creata un’azione buffer. Per supportare il recupero Dopo una concisione cerebrale (Oliver, Anzalone e Turner, 2018, Kreider et al., 2017).

    L’assunzione di lesioni creative può essere la soluzione migliore perché l’aumento della creatina nel cervello è un processo lento (Ainsley-Dean, Arikan, Opitz e Sant’Ans Sterr, 2017). Rispetto alle riserve di creatina nei muscoli, che possono essere aumentate in soli 5 a 7 giorni grazie a bagliore di una dieta basata su proteine animali e integratori (Krederet Coll., 2017), la capacità di assorbimento della creatina nel cervello estiffilé a stimare, E una maggiore quantità di integratori su più 12 periodi può essere necessaria per aumentare le concentrazioni (lancio, pouwels, Wilken, Hanefeid e Frahm, 1999, Kreider et al., 2017).Ad esempio, quattro settimane di integrazione di creatina (20 g al giorno) hanno una notevole variabilità in totale creatina aumenti del cervello tra soggetti (dal 3,5 al 13,3%), gli aumenti più bassi osservati nei soggetti. Più tempo (lancio, pouwels, Wilken , Hanefeid e Frahm, 1999). Le ricerche più recenti hanno dimostrato che 20 g di disatti per 7 giorni hanno aumentato la creatina del cervello del 9,2% in media (Turner, Byblow e Grant, 2015).

    Strategie di analisi specifiche per la creatina e ritardi per aumentare le riserve del cerveo ancora necessarie, tuttavia un periodo di concentrazione più lungo da 2 a 4 settimane a 20 g / giorno seguito da una dose di manutenzione 5 g / day durante I periodi ad alto rischio di sub-commozione nella stagione di una raccomandazione potenziale di Atleta Atleta (Oliver, Anzalone e Turner, 2018). Se hai intenzione di prendere un supplemento di creatina, consultare prima un dietetico sportivo per discutere il supplemento e una strategia di dosaggio sicuro.

    acidi grassi omega-3

    Il ruolo e i meccanismoreuroprotettori di acidi grassi omega-3 sono multidimensionali e non sono completamente compresi. Acido docosaeseenoico (DHA), uno specifico acido grasomega-3, ha mostrato effetti neuroprotettivi nei modelli derivanti con la massima efficienza a dosi di circa 40 mg / kg / giorno, che equivale a circa 1 a 3 g / die per l’uomo medio (Batile e mulini, 2010, mulini, Hadley e Bateriles, 2011). Come la maggior parte degli atleti, in particolare la pratica di combattimento e gli sport di contatto, sono più costosi delle dosi medie equivalenti a 3-4G / giorno possono essere più spinte (Oliver, et al., 2016).

    La ricerca condotta dai giocatori di calcio NCAA ha esaminato le reazioni alle dosi del DHA di 2, 4 e 6 g / Giorno e il loro ruolo neuroprotettivo per una stagione (Oliver et al., 2016). I risultati hanno mostrato che tutte le dosi di DHA aggiuntive hanno ridotto l’aumento di specifici biomarkers di trauma craniale relativi al danno cerebrale durante la stagione del calcio, rispetto al placebo (Oliver et al., 2016). Ciò ha dimostrato l’importanza di aumentare la concentrazione plasmatica di DHA in atleti ad alto rischio di sotto-commozioni del cervello e ha rafforzato il fatto che potrebbero essere necessarie dosi più elevate in atleti più costosi. (Oliver et al., 2016). Alcuni fontifendenti offrono una ricca concentrazione di DHA e acidicosapentaenoic (EPA, un altro acido grasso omega-3), in particolare pesce come il salmone, lo sgombro, le acciughe e le sardine (Dietististesdu canada, 2016). Tuttavia, a meno che non sia il consumo quotidiano, ha betendiff soddisfare le esigenze, specialmente negli sport ad alto rischio ad alto rischio. Infatti, i punteggi dell’indice OMEGA-3 (indicando il lavoro dell’EPA e del DHA nel sangue) sono diminuiti significativamente nel nord, dall’8,23% nel 1909 al 3,84% nel 1999 (Blasbalg, Hibbeln, Ramsden, Majchrzak e Rawlings, 2011 ). Per quanto riguarda gli Amatleti, uno studio sugli atleti tedeschi di resistenza invernale ha rivelato che la maggior parte di loro era al di sotto della gamma target dall’8 all’11% (von Schacky, Kemper, Haslbauer e Halle, 2014). Ciò suggerisce che le delusioni potrebbero essere necessarie oltre ad un aumento della generosità.

    Atleti che appizzano gli sport ad alto rischio dovrebbero cercare Formadows per aumentare il loro consumo di Omega-3 e concordare con uno sport dietologo di strategie di supplementazione sicure ed efficienti. Gli atleti di Costauds, come il rugby, l’hockey e il calcio, possono aver bisogno di dosi elevate più dei piccoli atleti (Oliver et al., 2016, Oliver, Anzaloneet Turner, 2018). Se raccomandano un complemento specifico di omega-3, gli sportici dello sport devono tenere conto del compiacimento e della latolaneità di questi supplementi, in quanto possono causare disturbi, specialmente se raccomandano dosi più elevate. Una combinazione di fonti di cibo e integratori può essere la soluzione migliore.

    curcuma / curcuma + dha

    Curcuma è il composto attivo della spezia dello stesso nome, utilizzato in medicina per le sue proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Curcuma si dissolve nei lipidi e può passare attraverso la barriera del cerebrale del sangue avendo proprietà neuroprotettive sul cervello prima e dopo l’infortunio (Petraglia, Winkler e Bateriles, 2011). La maggior parte delle ricerche di Curcuma prima e dopo lesioni cerebrali sono state condotte su modelli animali.Hanno anche esaminato la combinazione di acido DHA Curcuma e Omega-3, i cui effetti combinati sono promettenti rispetto ai nutrienti individuali. Gli animali che hanno ricevuto la dieta di curcuma e DHA prima dell’impatto hanno raggiunto due risultati importanti: 1) livelli più alti del fattore neurotrofico derivato dal cervello, che svolge un ruolo importante nella crescita, nella maturazione e nel mantenimento dei neuroni; e 2) migliorati punteggi cognitivi durante i test di apprendimento cognitivo (Wu, Ying e Gomez-Pinilla, 2014). I risultati hanno anche dimostrato l’effetto combinato di enzimi regolamentati migliori che creano davvero DHA e la ricerca più recente ha dimostrato che altri acidi grassi omega-3 (ad es. Acido alfa-linoleico) metabolizzati meglio metabolizzati metabolizzati. Il DHA quando la curcuma è stata aggiunta al dieta, che ha portato a una maggiore concentrazione nel cervello (Wu et al., 2015).

    Uno degli arconi principali di curcuma è la sua bassa biodisponibilità, con un assorbimento limitato dall’intestino e dall’eliminazione rapida da parte del Corpo (Oliver, Anzalone e Turner, 2018). Sono stati compiuti sforzi da aziende diverse nella formulazione di curcuma per aumentare l’assorbimento del corpo, ma attualmente non esiste una raccomandazione di dose specifica per la ciglia del curcuma. Gli atleti dovrebbero consultare un dietologo Dusport per specifici integratori di curcuma o i mezzi per aggiungere curcuma ai pasti e migliorare l’assorbimento.

    vitamina D

    vitamina D (vitamina “sole”) è un altro elemento nutrizionale terapeutico per il cervello Danni e la supplementazione ha mostrato neuroprotezione in aree attorno alle lesioni cerebrali traumatiche, ischemiche e degenerative (Lawrence e Sharma, 2016). La carenza di vitamina D nelle popolazioni anziane è stata associata a disturbi neurodegenerativi, compresa una maggiore prevalenza della malattia di Alzheimer, demenza e lesioni cerebrovascolari (Petraglia, Winkler e Ba Bales, 2011, Lawrence e Sharma, 2016). Infatti, le cognizioni cognitive erano fino a quattro volte più grandi negli adulti più anziani con gravi carenze di vitamina D (Llewellyn et al. 2010). I meccanismi che sono alla base di questa neuroprotezione, così come il suo ruolo nel recupero dopo una commozione cerebrale, sono complessi e multidimensionali, la vitamina D che mostrano una riduzione dell’infiammazione, una diminuzione della morte neuronale e di un miglioramento dei risultati funzionale cognitivi. (Lawrence e Sharma, 2016). Ciò suggerisce che la vitamina D potrebbe possedere proprietà neuroprotettive e dimostra l’importanza di evitare una carenza (Petraglia, Winkler e Bateriles, 2011).

    Con considerazione di tothletes, carenza di vitamina D di < 50 Nmol / l è comune, lo stato di disponibilità dipende da una serie di fattori, inclusa l’età, le posizioni in lagenetiche, geografiche e la quantità di esposizione al sole ciò che è influenzato dal periodo dell’anno, l’attrezzatura di protezione indossata , l’uso di una crema solare, ecc. (Lawrence e Sharma, 2016, Larson-Meyer, 2015). Dato il ruolo neuroprotettivo della vitamina D, della valutazione e dell’ottimizzazione dello stato di vitamina D con un obiettivo di > 75 nmol / l (larson-meyer, 2015, Owens, Allison e Chiudi, 2018) Durante tutto l’anno sarebbe un intervento preferito adottato da squadre scientifiche sportive di alto livello, che stanno lavorando con sport ad alto rischio in subconcisonment. Le strategie di supplementazione sono state spesso considerate come il miglior actionplan: l’accesso ad un’esposizione solare adeguata può essere difficile A causa del programma e del sito di formazione dell’atleta; E i fontionali (compresi alcuni pesci, uova e prodotti arricchiti, compresi prodotti lattiero-caseari e sostituti) offrono circa 200 IU / giorno (Lawrencet Sharma, 2016), che è ben al di sotto dei contributi raccomandati da 600 a 4000 IU / giorno (Dietitians Canada, 2019 ). Attualmente non ci sono Autori specifici sulla necessità di integratori di vitamina D alla neuroprotezione o recupero dopo una commozione cerebrale. A CESTADE, gli atleti con sport ad alto rischio ad alto rischio dovrebbero assicurarsi di evitare una carenza e lavorare con uno sport dietologo e un medico sportivo per monitorare e ottimizzare il loro status relativamente alla vitamina D (Larson-Meyer, 2015, Lawrence e Sharma, 2016).

    Implementazione di un approccio nutrizionale per proteggere contro i sotto-commozioni del cervello in sport ad alto rischio

    sapendo quali comunità possono proteggere o limitare gli effetti di un sub -cherebrale, i seguenti passaggi Può aiutare atleti, allenatori e ad altri membri del team di supporto per applicare le considerazioni di cui sopra.

    • Richiedi l’aiuto di un professionista: uno sport dietologo può educare atleti, allenatori, genitori e attrezzature sui principi chiave della nutrizione per ottimizzare la salute della salute per promuovere la protezione contro i sub-commozioni. CELACOMPEND EDUCAZIONE sull’acquisto di alimentari e pasti per la formazione e la concorrenza.
    • Guarda: monitorare il livello di idratazione durante la formazione e le competizioni e considerare lo screening regolare. Vitamina D e Desoméga-3 per tutti gli atleti.
    • Piano in anticipo: quando si viaggia, esaminare in anticipo i menu di hotel e siti di concorrenza e cerca modi per incorporare i disquisiti ricchi di acidi grassi omega-3 e ricette che includono Dufcuma.
    • Rereere di dessuppiamenti Sicurezza: utilizzare uno sport dietetico per aiutarti a determinare le esigenze e il dosaggio dei complementali sicuri, inclusi acidi grassi omega-3 e creatina. Le lesetletes dovrebbero rivolgersi agli integratori testati da terzi, compresi gli integratori certificati da NSF certificati per lo sport e uno sport informato, che è un test rigoroso per rilevare sostanze vietate.

    Suggerimenti Tasti per atleti

    • Espandi una pasticceria nutrizionale assicurando che l’80-90% delle tue scelte alimentari proveniente da carboidrati e lipidi di alta qualità.
    • Assicurati. Essere idrato ogni giorno, specialmente prima e durante la formazione o la laconomediazione.
    • Aumenta la votaturazione dei cibi ricchi di acido grasso omega-3.
    • Considera l’aggiunta di tirmema ai tuoi pasti, specialmente in curry, zuppe e lagoges.
    • Mantieni un contributo di vitamina D tutto l’anno. Parla con il tuo medico del tuo bilancio del sangue individuale.
    • Se si prevede di prendere un supplemento, controlla un dietologo dello sport per le tue esigenze, aspetti di sicurezza e dosaggio accurato.

    About (s) L’autore (s)

    Ashley Armstrong è un dietologo e specialista approvato nello sport dietetico. Ha una padronanza nella scienza dell’esercizio e dello sport dell’Università di Sydney, in Australia. Dal 2013 al 2018, Ashley ha lavorato con atleti olimpici e paralimpici presso l’Istituto Sport canadese di Victoria, British Columbia. Lavora per le forze armate canadesi a Ottawa, dove sostiene il personale militare a seguire un programma di alto livello. Ashley ha recentemente completato un progetto di ricerca di un anno su sub-commozioni con la Texas Christian University, esaminando il ruolo di DHA sulle sottoschetti del cervello nei giocatori di rugby elite. Ha anche sviluppato protocolli nutrizionali per gli atleti con cerebrale commozione cerebrale, e per la protezione e il recupero di un cervello per atleti ad alto rischio e personale militare.

    Riferimenti

    Ainsley Dean, PJ, Arikan, G., Opitz, B., & STERST, A. (2017). Potenziale di utilizzo della creazione che consente il seguente ferita cerebrale traumatica delicata. CopUXION, 2 (2): CNC34.

    Ashbaugh, A., & McGrew, C. (2016). Il ruolo dei supplementi nutrizionali nel trattamento concolica sportiva. Rapporti di medicina sportiva attuali, 15 (1), 16-19.

    Batiles, J.E., & Mills, J.D., (2010). L’acido docosaheenoico riduce la lesione assonale traumatica in un modello di infortunio a testa roditore. J. Neurotrauma. 27 (9): 1617-1624.

    Basiles, I, Petraglia, Al, Omalu, Bi, Nauman, E., & Talabe, T. ( 2013). Ruolo del sottoccupatore in ferita cerebrale traumatica leggera ripetitiva. J neurosurg. 119: 1235-1245.

    Baugh, C.M., STAMM, J.M., Riley, D.O., Gavett, B.E., Shenton, M.E., Lin, A … Stern, R.A. (2012). L’encefalopatia traumatica cronica: neurodegenerazione dopo il trauma del cervello conciso e sottocunnio ripetitivo. Imaging e comportamento cerebrale. 6: 244-254.

    Blasbalg, T.L., Hibbeln, J. R., Ramsden, C.E., MAJCHRZAK, S.F., & Rawlings, R.R. (2011). Modifiche al consumo di acidi grassi omega-3 e omega-6 negli Stati Uniti durante il 20 ° secolo. American Journal of Clinical Nutrition. 93: 950-62.

    Decherbent, P., Pouwels, P.J.W., Wilken, B., Hanefeid, F., & FRAHM, J. (1999). Aumento della creatina totale nel cervello umano e dopo la supplementazione orale di creatina-monoidrato. Sono. J. Physiol. 277 (46): R698-R704.

    Decq, P., Gault, N., Blandeau, M., Kerdraon, T., Berkal, M., Elholou, … .. ..Peyrin, J . (2015). Conseguenze a lungo termine della commozione cerebrale degli sport ricorrenti. Acta Neurochiro. 158: 289-300.

    Dietiti del Canada. (2019, 8 settembre). Cosa devi sapere sulla vitamina D. recuperata da: https://www.unlockfood.ca/en/Articles/Vitamins-and-Minerals/What-you-need-to-know-about-Vitamin-D.aspx.

    Dietiti del Canada. (Giugno 2016). Fonti alimentari di grassi omega-3. Recuperato da https://www.dietitians.ca/getattachment/de95e92c-3fb3-40db-b457-173de89bdc3a/FACTSHEET-Food-Sources-of-Omega-3-Fats.pdf.aspx.

    DOLAN, E., GuaLANO, B., & Rawson, ES, (2018 ). Oltre il muscolo: gli effetti della supplementazione di creatina sulla creatina cerebrale, la lavorazione cognitiva e la lesione cerebrale traumatica. Journal europeo della scienza sportiva. 19 (1), 1-14. https://doi.org/10.1080/17461391.2018.1500644

    GOMEZ-PINILLA, F., & KOSTENKOVA, K. (2008). L’influenza della dieta e attività fisica sui risultati del cervello e dei risultati neurosurgici. Neurologia chirurgica, 70 (4), 333-5.

    Salute Canada. (2018, 25 settembre). Olio di pesce del prodotto di salute naturale. Recuperato da http://webprod.hc-sc.gc.ca/nhpid-bdipsn/atReq.do?atid=fish.oil.huile.poisson&lang=eng

    Healthlinkbc. (2018, dicembre). Grasso dietetico e la tua salute. Recuperato da https://www.healthlinkbc.ca/healthlinkbc-files/dietary-fats

    HUBER, BR, STEIN, TD, ALOSCO, ML, & MCKEEN, AC (2016 ). Potenziali conseguenze a lungo termine di lesioni concerside e subacquea. Phys. Med. Riabilitare. Clin. N. Am.27 (2): 503-511.

    Istituto di commissione per la medicina (USA) sulla nutrizione, il trauma e il cervello. (2011). Nutrizione e infortunio cerebrale traumatico: migliorare i risultati della salute acuta e subacuti nel personale militare. Washington, DC: Accademie nazionali Pressa.

    Johnson, B., Neuberger, T., Gay, M., Hallett, M., & slobounov, s . (2014). Effetti del trauma della testa subconcussione sulla rete di modalità predefinita del cervello. Journal of Neurotrauma. 31: 1907-1913.

    King, D., Hume, P.A., Brughelli, M., & Gissane, C. (2015). Analisi dell’accelerazione del boccaglio strumentato per gli impatti della testa nei giocatori di unione di rugby amatoriale oltre una stagione di partite. La rivista americana della medicina sportiva. 43 (3): 614-624.

    Kreider, R.B., Kalman, D.S., Antonio, J., Ziegenfuss, T.N., Wildman, R., Collins, R … .Lopez, H.l. (2017). Società internazionale della posizione della posizione nutrizione sportiva: sicurezza ed efficacia della supplementazione di creatina in esercizio, sport e medicina. Journal of the International Society of Sports Nutrition. 14:18. DOI: 10.1186 / S12970-017-0173-Z

    Larson-Meyer, E. (2015). L’importanza della vitamina D per gli atleti. Scambio di scienze sportive. 28 (48): 1-6.

    Lawrence D.W., & Sharma, B (2016). Una revisione del ruolo neuroprotettivo della vitamina D in lesione cerebrale traumatica con implicazioni per la supplementazione post-commozione cerebrale. Cervello. 30 (8): 960-968.

    Llewellyn, DJ, Lang, IA, Langa, Km, Muniz-Terrera, G., Phillips, C., Cherubini, A., … Melzer, D. (2010). Vitamina D e rischio di declino cognitivo nelle persone anziane. Arco. Stagista. Med. 170 (3): 1135-1141.

    MAUGHAN, RJ, Watson, P., Cordery, P. AA., Walsh, NP, Oliver, SJ, Dolci, A., … Galloway, S. Dr. (2016) uno studio randomizzato per valutare il potenziale delle diverse bevande per influenzare lo stato dell’idratazione: sviluppo di un indice di idratazione delle bevande. Sono. J. Clin. Sostantiva. 103 (3): 717-23.

    MeeUSEN, R & DECRROIX, L (2018). Supplementi nutrizionali e il cervello. Journal internazionale della nutrizione sportiva e del metabolismo dell’esercizio fisico, 28 (2), 200-211.

    Mulini, JD, Hadley, K., & Bailes, Je ( 2011) Supplemento dietetico con l’acido documenaheenaeenoico acido grasso omega-3 in lesioni cerebrali traumatiche. Neurochirurgia. 68: 474-81.

    Oliver, J.M., ANZALONE, A.J., & Turner, M.S. (2018). Protezione prima dell’impatto: il potenziale ruolo neuroprotettivo della supplementazione nutrizionale nel trauma della testata sportiva. Sport med. 48 (suppL 1): 39-52.

    Oliver, JM, Jones, M, T., Kirk, km, GABLE, DA, REPSHAS, JT, JOHNSON, TA … & Zetterberg, H. (2016). Effetto dell’acido docosaeseenoico su un biomarcatore del trauma della testa nel football americano. MED SCI Sports Gliege. 48 (6): 974-982.

    Oliver, JM, Jones, M, T., Kirk, km, GABLE, DA, REPSHAS, JT, JOHNSON, TA … & Zetterberg, H. (2016). Luce del neurofilo siero negli atleti di football americano nel corso di una stagione. J neurotrauma. 33: 1784-1789.

    OWENS, D.J., ALLISIONE, R., & Chiudi, G.L. (2018). Vitamina D e l’atleta: prospettive attuali e nuove sfide. Sport med. 48 (S1): S3-S16.

    Petraglia, A.l., Winkler, E.A., & Bailes, J.E. (2011). Bloccato in panchina: potenziali composti neuroprotettivi naturali per la commozione cerebrale. Neurologia chirurgica internazionale, 2 (146).http://www.surgicalneurologyint.com/text.asp?2011/2/1/146/85987.

    Rae, C., Digney, A.l., MCEWAN, S.R., & Bates, T.C. (2003). La supplementazione monoidrato della creatina orale migliora la performance cerebrale: un processo a doppio cieco, controllato con placebo. Proc. R. SOC. Lond. B. 270: 2147-2150.

    Scrimgeour, A.G., & Condline, M.L. (2014). Trattamento nutrizionale per lesioni cerebrali traumatiche. Journal of Neurotrauma, 31 (11), 989-99.

    Slobounov, SM, Walter, A., Breiter, HC, Zhu, DC, Bai, X., Bream, ….Alavage, Tm. (2017). L’E FF ECT di collisioni subacquea ripetitive sull’integrità del cervello nei giocatori di calcio collegiale su una singola stagione di calcio: uno studio di neuroimaging multima modale. Neuroimage: clinico. 14: 708-718.

    Soni M., Kos, K., Lang, Ai, Jones, K., Melzer, D., & LLEWELLYN JD (2012). Vitamina D e funzione cognitiva. Scandinavian Journal of Clinical & Indagine di laboratorio. 72 (Supplox 243): 79-82.

    Thomas, D.T., Erdman, K.a., & Burke, L.m. (2016). American College of Sports Medicin Medicine dichiarazione di posizione. Nutrizione e prestazioni atletiche. MED SCI Sports Gliege. 48 (3): 543-68.

    Turner, C.E., BYBLOW, W.D., & Grant, N. (2015). La supplementazione di creatina migliora l’eccitabilità del corticomotore e le prestazioni cognitive durante la privazione dell’ossigeno. Il giornale della neuroscienza. 35 (4): 1773-1780.

    von Schacky, C., Kemper, M., Haslbauer, R., & HALLE, M. (2014 ). Indice basso omega-3 in 106 atleti tedeschi Elite Elite Endurance: uno studio pilota. Journal internazionale della nutrizione sportiva e del metabolismo eccone. 24: 559-564.

    Weber, AF, Mihalik, JP, Register-Mihalik, JK, Mays, S., Prentice, Noi, & Guskiewicz, Km (2013). Disidratazione e prestazione sulle misure cliniche cerebrali nei lottatori collegiali. Journal of Athletic Training, 48 (2): 153-160.

    Wu, A., Molteni, R., Ying, Z., & GOMEZ- Pinilla, F. (2003). Una dieta satura-grasso aggrava l’esito della lesione cerebrale traumatica sulla plasticità dell’ippocampo e sulla funzione cognitiva riducendo il fattore neurotrofico derivato dal cervello. Neuroscienza, 119 (2), 365-75.

    Wu, A., YING, Z., & GOMEZ-PINILLA, F. (2004). L’interazione tra stress ossidativo e fattori neurotrofici derivati dal cervello modula il risultato di una dieta grassi saturi sulla plasticità sinaptica e sulla cognizione. Journal europeo di neuroscienze, 19 (7), 1699-707.

    Wu, A., Ying, Z., & Gomez-Pinilla, F. ( 2014). Strategia dietetica per riparare la membrana plasmatica dopo implicazioni del trauma del cervello per la plasticità e la cognizione. Riparazione neurale neurornehabil. 28: 75-84.

    Wu, A., Noble, EE, Tyagi, E., Ying, Z., Zhuang, Y., & Gomez -Pinilla, F. (2015). La curcumina aumenta DHA nel cervello: implicazioni per la prevenzione dei disturbi d’ansia. BBA MOL BASE DIS. 1852: 951-61.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *