Articles

In Inghilterra, ritardi di apprendimento dopo una chiusura della scuola cumulativa


un insegnante di Panel Place in un'aula sulla trasmissione di Covid- 19 Alla scuola primaria di Lostock Hall a Poynton vicino a Manchester, Inghilterra, mercoledì 20 maggio 2020.
Un insegnante di Place Square in una stanza di classe sulla trasmissione di Covid-19 alla scuola primaria di Lostock Hall a Poynton Vicino a Manchester, in Inghilterra, mercoledì 20 maggio, 2020. Jon Super / AP

La conferma della riapertura delle scuole di riapertura dell’8 marzo di Boris Johnson è stato accolto favorevolmente. “La nostra priorità è sempre stata quella di riferire i bambini a scuola, cruciale per la loro educazione, salute mentale e fisica”, ha detto il Primo Ministro britannico lunedì 22 febbraio. Le scuole dovevano chiudere il 4 gennaio, poche ore dopo il ritorno delle vacanze natalizie e sono state aperte solo ai figli dei “lavoratori essenziali” (specialmente per l’asilo nido). “Mia figlia sogna di tornare al bus al college, dice Laurence Jouenie, una madre di origine francese, i cui due figli sono a scuola nelle strutture inglesi da West London.

Tuttavia, la preoccupazione rimane nelle case britanniche, mentre gli scolari hanno accumulato quasi sei mesi di corsi “faccia a faccia” dal 20 maggio. L’impatto di queste privazioni è complicato da stabilire in assenza di esami nazionali dello scorso anno, ma un primo studio di grandezza, pubblicato all’inizio di febbraio dall’istruzione BODOWMENT Foundation (EEF) rileva che il primo confinamento ha già portato a ritardi di apprendimento (le scuole sono rimaste chiuse tra la fine marzo e il 20 settembre).

Realizzato nel settembre di 6.000 studenti provenienti da 168 diverse scuole che rendono il loro ingresso Il secondo anno di primario, lo studio evidenzia un “significativo” ritardo di due mesi nell’apprendimento della lettura e del conteggio, rispetto a Alla stessa età del 2017. Il divario tra i bambini da svantaggiato (beneficiari della mensa libera) e gli sfondi più ricchi sono stati scavati, il primo accusando circa sette mesi di ritardo nell’apprendimento su quest’ultimo. Allarme risultati in un paese in cui il tasso di povertà infantile è vicina al 25% e il sistema educativo rimane molto disomerato, con il 7% degli studenti iscritti a scuole private spesso costose.

Lunghezza del giorno

“Questo differenziale tra famiglie ben ricchi ha giocato per lo più durante il primo confinamento, AIDS per le scuole che spesso non hanno avuto il tempo di raggiungerli”, afferma Becky Francis, direttiva esecutiva dell’EEF. Secondo il MoCom, il regolatore di telecomunicazioni, 1,8 milioni di piccoli britannici non hanno accesso a un computer o tablet a casa.

Hai ancora il 39,96% di questo articolo. Leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *