Articles

Matrimonio naturale o matrimonio sacramentale?

La distinzione tra matrimonio naturale e matrimonio Sacramental è una domanda frequente, non solo per i funzionari ma anche per i pastori che si preparano per il matrimonio, solo per il matrimonio Gli stessi fiancé si chiedono del link che li unisce. Da lì, anche steli di un numero di impedimenti matrimoniali.

i. Matrimonio naturale (A) e matrimonio sacramentale (B)

Dal momento che i cristiani danno matrimonio una particolare dignità. Come ricordato nel catechismo della Chiesa cattolica al n. 372: “L’uomo e la donna sono fatti” uno per l’altro “: non che Dio avrebbe reso solo” metà “e” incompleto “; li ha creati per a Comunione di persone, in cui tutti possono essere “aiuto” per l’altro perché sono entrambi uguali come persone (“ossa delle mie ossa …”) e complementare come un maschio e una femmina. Nel matrimonio, Dio si unisce a loro così, Formando “una carne” (Genesi 2, 24), possono trasmettere la vita umana: “Sii fruttuoso, moltiplicare, riempire la terra” (Genesi 1, 28). Trasmettendo ai loro discendenti la vita umana, l’uomo e la donna Come marito e genitori, collabora in un modo unico al lavoro del Creatore (CF GS 50, § 1). “

È quindi per prima la legge naturale, quel matrimonio è sacro per la Chiesa cattolica . Ed è a nome della legge naturale, che un matrimonio non può né concludere sotto il vincolo (l’impegno deve essere liberamente acconsentito), né dissolto (indissolubilità del matrimonio).

A.- Matrimonio naturale e legittimità del matrimonio

La Chiesa cattolica chiama il matrimonio naturale qualsiasi matrimonio validamente e legittimamente celebrato. Nella legge canonica, il matrimonio naturale dell’espressione o il matrimonio legittimo è solitamente riservato a sindacati tra i sindacati tra gli Unmrites, per distinguerli dai matrimoni sacramentali, tra battezzati.

Un matrimonio in effetti può essere legittimamente celebrato in quel momento. Chiesa senza Essere sacramentali: questo è il caso dei matrimoni celebrati tra una festa battezzata e una festa unbrigante, denominata matrimoni dispari (con la prevenzione dell’impuzio di disparità di culto).

Infine, un matrimonio non celebrato in chiesa può, in nome della legge naturale, essere canonicamente legittimi e validi (caso di matrimoni tra sgradevole celebrato “solo” al municipio – e forse anche in a Religione non cristiana).

B.- matrimonio sacramentil

la canone 1055 ha questo, quando si tratta di un matrimonio battezzato, quindi La naturalezza del matrimonio è anche sacramentale, vale a dire ancorato nel battesimo e non solo nella legge naturale. È sacramento perché è manifestante della salvezza ottenuta nel mistero della morte e della risurrezione di Cristo. In altre parole, manifesta l’alleanza tra Cristo e la sua Chiesa e supera, dal fatto stesso, l’unico contratto umano.

ii.- Impiediments matrimoniali

Piccolo preliminare: la nozione di impedimento matrimoniale n ‘è Non unico per la Chiesa cattolica. Alcuni impedimenti sono condivisi con la società civile, come l’età o la consanguineità per esempio. Ciò che deve essere aggiunto che per la Chiesa cattolica, l’impedimento può derivare da un’incapacità naturale al contratto del matrimonio (questo è il caso dell’incapacità di acconsentire o dell’impedio dell’impedio.), Una disposizione positiva della legge che, Anche se la persona è naturalmente in grado, lo rende disabilitato a contrarsi (questo è il caso ad esempio dell’impedio del collegamento).

Per questo che riguarda gli impedimenti canonici in generale, la Chiesa cattolica li distingue in modo classico secondo A due categorie: gli impedimenti indiscriminanti, che raggiungono la validità del consenso (spesso parliamo di un matrimonio nullo per esprimere l’invalidità di tale contentezza matrimoniale. Ci facciamo per scegliere il vocabolario di validità e disabilità, connotazione più positiva), e proibire impedimenti, che proibiscono il matrimonio, che raggiunge la legittimità.

La legislazione attuale Canon detiene solo la categoria di correnti dioni come presentata al senso stretto del termine (validità). D’altra parte, dobbiamo sempre distinguere le esenzioni, che influenzano le persone, le autorizzazioni, che influenzano l’atto del matrimonio stesso. Torneremo.

Formalmente, ci sono dodici impedimenti matrimoniali nel codice della legge canonica. Tuttavia – ed è importante nelle cause di disabilità del collegamento matrimoniale elaborato dai funzionari – ci devono anche essere situazioni o la validità del collegamento è alterato.

In questa seconda parte, complesso, proponiamo il seguente piano per scopi di completezza, ma senza entrare in tutti i dettagli: a.- Impedimenti canonici e esenzioni; B.- vizi di consenso; C.- situazioni che richiedono l’autorizzazione.

A.- Canali e dispendi

Le esenzioni riguardano i impedimenti (1) o il canonico Forma del matrimonio (2).

1.- Chancing

Quando una prevenzione è riconosciuta prima del consenso o durante la preparazione del matrimonio, il capo del file inizia in linea di principio da Esaminando se il impedimento può (deve) essere soggetto a un’esenzione. È quindi possibile distinguere due sottocategorie di impedimenti diimant: quelli che possono essere sollevati da esenzione e coloro che non possono. Per comodità, gli impedimenti sono presentati di seguito nell’ordine del codice della legge canonica e non in due categorie separate.

  • L’età (c. 1083). – Il Codice della Legge Canonica in vigore (1983) si risolve a 16 anni per l’uomo e all’età di 14 anni per le donne il limite inferiore al quale il matrimonio non può essere valido. Tuttavia, lo stesso codice consente alle conferenze del vescovo di fissare, nella loro primavera, un limite di età superiore a sedici per uomo e quattordici per le donne. Questa disposizione ha la coerenza tra legge ecclesiastica e diritto civile. In Francia, la Chiesa deve allinearsi con le disposizioni del diritto civile, dal momento che il matrimonio religioso non dovrebbe essere celebrato se non è celebrato in anticipo al municipio.

  • impotenza (c. 1084). – Questa è l’incapacità di soddisfare l’atto sessuale completo, sia la causa di fisiologica o psicologica, e che l’impotenza è assoluta o relativa a una persona così particolare. Affinché il consenso coniugale sia dichiarato invalido, deve essere dimostrato che c’era un’impotenza al momento del consenso; L’impotenza deve anche essere perpetuo (incurabile).

  • il link (c. 1085). – Un matrimonio può essere impossibile (in precedenza al consenso) o non valido (dopo) a causa della prevenzione del collegamento. Il caso più noto è quello dell’esistenza di un matrimonio occulto o di un link precedente creduto estinto in una delle due parti. Esempio: durante questa guerra, un numero di uomini non è tornato dalla fronte e, di conseguenza, sono stati considerati defunti, mentre non lo erano; Ma qui ribadano quello che pensavamo morti … il matrimonio è impossibile o cattivo a causa della legge naturale, che vuole che il matrimonio sia sia unico che indissolubile.

  • La disparità di culto (c.1086). – È l’impedimento più comune, in ogni caso ciò per il quale, nella nostra diocesi, è spesso richiesta un’esenzione. È il matrimonio tra una festa battezzata cattolica e una confessione non ambiggente, agnostica o religiosa o non cristiana. È sempre l’ordinario (o il suo delegato) del partito cattolico che ha giurisdizione a dispensare.

  • L’ordine sacro (c. 1087). – L’ordinazione è un impedimento coniugale. Così, un diacono permanente sposato, se muore sua moglie, non può riordinare. Tuttavia, questo impedimento non è naturale a destra ma della legge ecclesiastica; Può quindi essere sollevato, ma solo dal Pontefice romano.

    Il voto pubblico di castità in un istituto religioso (c. 1088). – Questo impedimento è vicino al precedente. Può essere sollevato solo dal Pontefice romano (Istituto di diritto pontificio) o dal Vescovo diocesano (Istituto di legge diocesana).

  • The Rapt (c. 1089). – Questi sono casi in cui uno dei futuro viene rimosso o detenuto per il consenso coniugale. Questo impedimento può teoricamente, essere sollevato da un’esenzione. Ma tale situazione è quasi inesistente nella pratica, almeno in Francia.

  • Il crimine (c. 1090). – Se assassina il proprio coniuge o il proprio coniuge di B per sposare B, o se A e B omicidio i loro coniugi per sposarsi, allora il collegamento è impossibile o non valido. L’esenzione per l’impedimento del crimine è riservato per il Pontefice romano.

    la consanguineità (c. 1091). – Il matrimonio è impossibile diretto online e “non è valida online la garanzia online fino al quarto grado inclusivamente” (Germains dei cugini). L’esenzione è possibile solo per i cugini di Germain, non per un grado minore (non possiamo sposare suo fratello o sorella).

  • L’affinità (c. 1092). – A differenza della consanguineità, sulla base del legame del sangue, l’affinità si basa sul matrimonio (collegamento alleanza). È, ad esempio, il legame tra una donna e suo cognato, tra uno zio e sua nipote da alleanza, ecc.Nella legge cattolica latina, solo l’affinità online dirigenti dirimata del matrimonio, e tutti i gradi, l’impedimento può, in alcuni casi, essere esenti. Nota che la legge cattolica orientale mantiene l’impedimento della linea collaterali al secondo grado (CCEO (codice di canone delle chiese orientali), c. 809). In alcune cartelle, quindi è necessario verificare se questo o quel futuro è orientato o meno.

  • Public onestà (c. 1093). – questo è il “matrimonio non valido dopo che la vita comune è stata introdotta o una nota di concubicazione famigerata o pubblica; e dirs il matrimonio con la prima laurea tra l’uomo e il consanguangerer della donna, e viceversa.” L’esenzione è il Soggetto dell’ordinario.

  • Kinship legale (c. 1094). – Questa è la parentela adottiva. Il matrimonio è impossibile o non valido “linea diretta o laurea in linea di seconda linea”. L’esenzione è l’oggetto dell’ordinario.

2.- Dispensazione della forma canonica

Il codice determina la forma che il matrimonio deve far fronte (cc 1108-1123). Questa è la formula del consenso, diversi elementi liturgici, il luogo, le abilità e i poteri del ministro, ecc. Alcune situazioni, come il matrimonio misto (tra una parte cattolica e una festa battezzate in un’altra chiesa o confessione cristiana – vedi sotto), può richiedere un’esenzione dalla forma canonica, per ragioni pastorali. Tale esenzione è l’ordinaria della parte cattolica.

B.- Vice di consenso

Oltre agli impedimenti che provengono dal parlare , l’attuale legge canonico nota situazioni che possono valere il consenso e quindi minare la validità del matrimonio. In generale, si possono sorgere due casi: il vizio è notato prima del matrimonio, che non può essere celebrato (a meno che non vi sia possibile l’esenzione, ma quindi dobbiamo agire caso per caso, in stretta connessione con l’ufficio diocesano di matrimoni); Il vizio si manifesta dopo il consenso, il caso più frequente. Molte dichiarazioni di nullità (frasi dei funzionari) sono basate su difetti del consenso annotato dopo il matrimonio.

  • L’incapacità di consenso (c. 1095). – il codice della legge canonico distingue tre tipi di casi: persone che hanno “non sufficiente uso della ragione”; quelli “che soffrono di una grave mancanza di discernimento relativi ai diritti e da doveri essenziali del matrimonio”; Quelli “che per cause della natura psichica non possono assumere gli obblighi essenziali del matrimonio”.

  • Ignorance (c. 1096). – Si presume che il futuro sappia la natura del matrimonio, le sue caratteristiche essenziali e gli obblighi matrimoniali. In breve, dovrebbero sapere cosa stanno commettendo. Da qui la necessità di una preparazione seria. Succede che nelle prove di Nullness siano accusati della mancanza di preparazione.

  • L’errore sulla persona (c. 1097, § 1). – In questa situazione, il matrimonio non è valido sé.

    L’errore su una qualità della persona (c. 1097, § 2). – In questa situazione, il matrimonio non è necessariamente non valido. Questa disposizione è di interpretazione delicata. In caso di prova in nullità, il giudice considererà attentamente il caso della specie e farà affidamento sulla giurisprudenza canonica.

  • il DOL (c. 1098). – Questi sono matrimoni ottenuti sotto l’effetto di un inganno volontario. Il DOL invalida il consenso.

  • L’errore relativo all’unità o all’indissolubilità o alla dignità sacramentale del matrimonio (cc 1099, 1100). – Un tale errore “non funziona il consenso”.

  • L’esclusione del matrimonio o uno dei suoi elementi essenziali (C.1101). – L’espressione del consenso è presunta in conformità con la volontà interna. Tuttavia, “Se una qualsiasi delle parti, da un atto positivo della volontà, esclude il matrimonio stesso, o uno dei suoi elementi essenziali o una delle sue proprietà essenziali, hanno contratto invalidamente.” P.>

  • Il matrimonio condizionale (C.1 1102). – Il matrimonio ottenuto in condizione può essere o non può essere valido (il giudice deve determinare l’ad casum add).

  • il matrimonio ottenuto dall’effetto della violenza o una paura grave (c. 1103). – tale matrimonio non è valido.

c.- Situazioni che richiedono l’autorizzazione

due tipi di situazioni di matrimoni misti (1), altre situazioni (2 ).

1.- Matrimoni misti (CC 1124-1129)

La celebrazione di un matrimonio misto richiede l’autorizzazione dall’ordinario della parte cattolica, e non un’esenzione, dal momento che entrambi Le parti sono battezzate. L’autorizzazione riguarda la legittimità dell’atto e non sulla validità del collegamento.

Tuttavia, potrebbe esserci qualche dubbio sulla validità o la realtà del battesimo della parte acatima, da cui l’esistenza dell’autorizzazione per il matrimonio congiunto associato, ad cautelam (per prudenza), di un’esenzione dal Impedimento della disparità di culto.

2.- Altre situazioni (c. 1071)

Le situazioni elencate di seguito, richiedono sempre il prerequisito dell’autorizzazione dell’ordinario. Appaiono in parte del codice relativi ai preliminari del matrimonio: sono quindi particolarmente interessanti le persone e le squadre responsabili della preparazione.

Questo è il “matrimonio di Vagi (senzatetto)”, matrimoni che non possono essere celebrati secondo la legge civile (proibito pubblicamente ma canonicamente possibile), di casi o uno o l’altro futuro è detenuto dal naturale Gli obblighi nei confronti di terzi (ex o figli nati da una precedente sindacale), del matrimonio delle persone che hanno respinto in modo indizio la fede cattolica, di una persona sotto una censura canonica (divieto canonico, ad esempio, la scomunica), il matrimonio di un minore “Obsificato o nonostante la ragionevole opposizione dei suoi genitori”, matrimonio per proxy.

p. Hugues Guinot

delegato episcopale per matrimoni, diocesi di Auxerre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *