Articles

Newsletter del Centro studio medievale di Auxerre | BUCEMA


Note

1 Voglio ringraziare Frederick Gabriel e Alain Tallon per il loro prezioso correzione di correzione di questo articolo.

Cajetan (Thomas de Viio), “Questio Decima. Fide ad Fruftuosam Absolutionem Sacramento Nomearia”, in Ch. MoreOD (OP), Cajetan e Lutero nel 1518. Edizione, traduzione e commento delle opuscuule di Augsburg di Cajetan, Friburgo (Svizzera), 1994, T. Io, p. 336-337. Per un commento di questa frase, vedi Ibid., T. II, p. 471-476. “La ragione immediata per cui Cajetan pronuncia questa frase non è confusione sulla fede. Ciò che Cajetan si lamenta a Lutero è affermare che la Chiesa è sbagliata per trasmettere la salvezza (dal perdono dei peccati), quindi per proporre i mezzi molto sicuri di questa trasmissione. O, se la Chiesa fu fondata da Cristo per trasmettere la salvezza (essendo il corpo di Cristo), la sua identità è definita dalla trasmissione della salvezza. Questo è dove è la ragione fondamentale della frase di Cajetan. Questa è la sillilogia e nessuna rivelazione ” . Ibid., P. 473-474.

2 A. DuPront, “Riflessioni sull’eresia moderna” (1968), in ID., Genesi dei tempi moderni. Roma, le riforme e il nuovo mondo, riuniti e presentati da D. Julia e Ph. Prodotto, Parigi, 2001, p. 113 e p. 117.

3 J. Cipoleau, “Bollettino critico. Eresia medievale e dissenso religioso nell’era moderna”, nella storica Provenza, XXXVII / 149 (1987), p. 98.

4 H. J. Berman, Law and Revolution, Aix-en-Provence, 2002 (Edizione americana originale, 1983), p. 130. Dominique IGogna-Prat rileva un’evoluzione simile, ma il posto nel cuore dell’età carolingiana, con “l’emergere, durante il IX secolo, della nozione che comprende la cristianità, che implica semplicemente una comunità spirituale, ma si riferisce anche a a Struttura sociale e temporale “. D. Iogna-Prat, ordine ed escludere. Cluny e la società cristiana che affrontano sempre eresia, giudaismo e islam (1000-1150), Parigi, 2000 (1998), p. 12.

5 y. Thomas, “l’istituzione di Majesty”, in revisione sintetica, CXII / 3-4 (1991), p. 342-343.

6 Bubble Unam Sanctam, 18 novembre 1302, in H. Denzinger, simboli e definizioni della fede cattolica, pubblicato da P. Hünermann e J. Hoffmann, Parigi, 2010, il nostro 874 – 875.

7 … Caratterem Antichristi Esse Signum Aliqod Obedientiæ, e congiunzione cum romano Pontificio … Robert Bellarmin, Opera Omnia, T. Io, disputationum … Controvesis Christianee Fidei Adverus Hujus temporis Haereticos, Tomus Primus, Napoli, 1856, Tertia Controversia Generalis. Summe Pontifice, Book III, Cap. Xi, p. 441, Col. 2.

8 Citato da Y. Congar, la Chiesa. Sant’Agostino nei tempi moderni, Parigi, 2007 (1970), p. 372.

9 Pierre Canisius, il grande catechismo di Canisius o accurata dottrina cristiana … (1554), A. C. Peltier (trad), Parigi, 1873, t. II, prima parte, “Principi della saggezza cristiana”, capitolo III, “Comandamenti della Chiesa”, Domanda IX, p. 23.

10 Ibid., Domanda XVII, p. 133.

11 Ibid. Domanda IX, p. 23-24.

12 Vedi ad esempio il distinto del quarto libro delle frasi Pierre Lombard e il corrispondente commento di Thomas Aquinos. S. Tommaso D’Aquino, Commenta Alle Sentenze di Pietro Lombardo E Testo Integral di Pietro Lombardo, Libro Quarto, Distinzioni 14-23, Penitenza, Unzione Degli Infermi, R. Coggi (OP) (TRAD), Bologna, 1999, p. 612 e SQ. ; p. 632 e Sq. Sull’uso delle metafore nella Bibbia, vedi Thomas Aquinas, (santo), teologia ,, h.-d. Gardeil (trad), Parigi, 1997, qu. 1, Art. 9, “Se la Sacra Scrittura dovrebbe usare Metafore?”, P. 49-53.

13 Tra molte opere, vedi in particolare E. Kantorowicz, “Christus-Fiscus”, in ID., Die per la patria e altri testi, Parigi, 1984, p. 59-73; ID., I due corpi del re. Saggio sulla teologia politica nel Medioevo, in ID., Lavori, Parigi, 2000; A. E. Gieseey, il re non muore mai: il funerale reale in Francia del Rinascimento, Parigi, 1987 (1960); P. Legendre, il desiderio politico di Dio. Studio sullo stato di diritto, Parigi, 2005 (1988); A. Vambra, il semplice corpo del re. La sacralità impossibile dei sovrani francesi, il XVIII secolo, Parigi, 2000; ID., “Kantorowicz e tessuto di cristo: la metafora come oggetto di storia”, a D. S. Milo, A. Tramp (dir), alterare la storia. Test di storia sperimentale, Parigi, 1991, p. 127-138; R. Desimon, “le funzioni della metafora del matrimonio politico del re e della Repubblica in Francia, XVe-XVIII secolo”, in Annals. Risparmio, società, civiltà, 47 (1992/6), p. 1127-1147; A. di Bacque, il corpo della storia. Metafore e politiche (1770-1800), Parigi, 1993; M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *