Articles

Per seguire questa settimana: banche canadesi alla fine dell’anno

gli investitori nel mercato azionario canadese prestano particolare attenzione a questa settimana alle dichiarazioni di risultati trimestrali 2019 risultati trimestrali e di opportunità di business da parte della parte del Banche principali.

pubblicato il 2 dicembre 2019 alle 10:00
Condividi

  • & Verifica; Collegamento copiato

Martin Vallières Martin Vallières
Press

D Per quanto, secondo quanto riguarda gli analisti specializzati nel settore dei servizi finanziari, le banche canadesi potrebbero riportare più difficili risultati trimestrali a causa di una situazione economica sconcertante.

In effetti, piano. I risultati di questo quarto e ultimo Quartiere 2019 delle banche, completato il 31 ottobre, potrebbe mitigare la crescita media dei loro benefici annuali a livello inferiore più basso dalla crisi finanziaria globale del 2008.

“Le banche canadesi affrontano una serie di rischi all’orizzonte , come il ciclo economico in una fase molto avanzata, una maggiore volatilità dei mercati azionari e la possibilità di aumentare la volatilità delle loro disposizioni per le perdite sui prestiti e l’alto livello di debito delle famiglie canadesi “, riassume il Doug Young Analyst, specialista Aziende finanziarie presso i mercati dei capitali Desjardins, in una relazione settoriale ai clienti degli investitori.

a breve termine, tuttavia, Si aspetta che le banche canadesi beneficino di “venti favorevoli”. L’analista enumera “un contesto economico uniformemente costruttivo con un basso tasso di disoccupazione; un ambiente di credito favorevole per il momento; confortevoli rapporti di capitale bancaria; e la gestione più forte delle loro spese, che è importante quando la crescita dei prestiti rallenta”

Nel frattempo, sul mercato azionario, nonostante un recente rinnovamento, le prospettive a breve termine per le azioni bancarie canadesi rimangono confuse.

“A un mese della fine, il mercato azionario 2019 In Canada si allinea per il primo in un decennio in cui le azioni delle banche hanno sottoperformato l’indice di mercato “, l’analista di Robert Sedran, specialista degli affari finanziari nei mercati dei capitali CIBC, in una relazione settoriale ai propri clienti degli investitori.

Il recente miglioramento del valore del rischio Le banche laterali hanno ridotto questo divario di rendimento negli ultimi due mesi, mentre le preoccupazioni sui tassi di interesse e la crescita economica in generale sono diminuiti.

robert sedran

“Ma quella era la parte più semplice del recupero del valore del mercato delle banche. Per continuare, prenderà il ritorno di un progresso migliore dei loro risultati nei prossimi trimestri. “

” Vi è un rischio ribadito per i corsi di azioni delle banche, data il business operativo più difficile “, afferma Mike Rizvanovic, analista aziendale finanziario canadese presso la Crédit Swiss Stud.

per Esempio, si aspetta un inizio del 26% delle disposizioni per le perdite di prestiti nel quarto trimestre rispetto allo scorso anno, che sarebbe “una conseguenza del limite del 19% dei fallimenti dei consumatori osservati a settembre, il più forte da almeno il 2011” .

“Sfide persistono”

Alla Banca nazionale finanziaria, analista Gabriel Dechaine, specialista nel settore dei servizi finanziari, sottolinea che “le sfide persistono nelle attività delle banche nei mercati dei capitali di investimento. È il loro unico segmento con un maggior numero di profitti medi dal 12% fino ad ora quest’anno “.

” Gli investimenti delle banche per sviluppare i loro mercati dei capitali, in particolare gli Stati Uniti, non hanno ancora generato reddito. Nel frattempo, i costi di queste strategie di espansione hanno certamente un impatto sui risultati a breve termine “, rileva l’analista nella sua nuova relazione settoriale distribuita ai clienti-investitori della Banca nazionale finanziaria.

In questo contesto , quali dovrebbero gli Azionisti delle banche nel prossimo rendimento del dividendo previsto?

Robert Sedran, dei mercati dei capitali del CIBC, prevede “che la Banca di Montreal, la Banca nazionale e la Banca nazionale aumenterà i loro dividendi trimestrali, che corrisponderebbe al loro modello del quarto superiore “.

Aspettative simili dal Doug Young Analyst presso Desjardins Capital Markets, ma più preciso.

“Mi aspetto che i dividendi aumenti della Banca di Montreal, anche dell’ordine del 3%, pure Come alla Banca nazionale, del 4% e della Banca Laurentiana, con il 2%. “

Mercoledì: la Banca del Canada in tasso Decisione Interessi

nella sua ultima decisione sui tassi di interesse in Il 2019 potrebbe la Banca del Canada imitare il suo vicino americano, la Federal Reserve, riducendo il suo tasso chiave per mitigare le apprensioni di un rallentamento rafforzato nell’economia? Non proprio, anticipare gli economisti della Banca nazionale, nel loro biglietto commerciale settimanale. “Ci aspettiamo che la Banca del Canada manteniamo invariata un tasso di finanziamento di un giorno invariato all’1,75%. Le prospettive economiche non sono cambiate abbastanza di recente in modo che la Banca centrale ammette la sua percezione che, nonostante alcuni rischi declino, la situazione attuale non giustifica un rilassamento della sua politica. “

Venerdì: il punto sull’occupazione nel novembre

Cosa aspettarsi con i dati di A novembre in Canada e negli Stati Uniti, che saranno divulgati venerdì ? In Canada, “le probabilità che la crescita dell’occupazione sia modesta a novembre sono piuttosto elevate, considerando che la crescita economica ha rallentato sostanzialmente negli ultimi mesi. Il tasso di disoccupazione potrebbe rimanere al 5,5%”, anticipare gli economisti del movimento di Desjardins nel loro biglietto commerciale settimanale nel loro biglietto commerciale settimanale nel loro biglietto commerciale settimanale nel loro biglietto commerciale settimanale nel loro biglietto aziendale settimanale nel loro biglietto commerciale settimanale nel loro biglietto aziendale. Negli Stati Uniti, “la recente tendenza del mercato del lavoro, aggiungendo alle aspettative attese nell’industria automobilistica, dovrebbe migliorare la creazione di posti di lavoro a quasi 200.000. Il tasso di disoccupazione dovrebbe rimanere al 3,6%.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *