Articles

Qual è il diffusore dell’1,1%?

Questa non è le tue cipolle, ma tanta conoscenza.

Il diffusore dell’1,1% è impostato una tassa di solidarietà persona giuridica che ha pagato un artista durante l’anno. Questa tassa è l’obbligo di un datore di lavoro, che riguarda solo la contabilità del tuo cliente.
La maggior parte delle aziende ha un contabile la cui professione è conoscere le specificità amministrative e prenderci cura di esso. Questo ragioniere è pagato per quello, a differenza di te.

Pertanto come autore dell’artista, non devi prenderti cura del diffusore dell’1,1%, delle sue formalità dichiarative e del suo pagamento da parte del tuo cliente.
Puoi ovviamente, come servizio, informare i tuoi clienti su questo obbligo e nei modi per catturarlo (spesso lo facciamo durante il suo periodo di ritiro, perché è sulla stessa forma), ma non è in alcun modo che il tuo cliente potrebbe richiedere.
molti freelances esperti non importa mai di prevenire i propri clienti o verificare che paghino questa tassa, perché non è il loro ruolo o responsabilità. Non hanno mai avuto alcun problema.

Spesso amalgamiamo il diffusore dell’1,1% con i contributi sociali per una semplice ragione: durante il periodo del premio, i contributi del membro e l’1,1% del suo cliente sono da dichiarare sullo stesso foglio. uttavia, il rapporto si ferma lì: il diffusore dell’1,1%, la tassa pagata dal proprio cliente, non ha nulla a che fare con i contributi, che non rientrano nello stesso principio e che paghi sulla vostra retribuzione (Sebbene nel caso dei preposses vengano assunti direttamente dal cliente).

Conseguenza diretta: il diffusore dell’1,1%, che non toccherai mai, non deve essere presente sulle bollette, poiché lo fa non fare parte della vostra retribuzione.
Se decidi di indicare il diffusore dell’1,1% sulle tue fatture, non le uniche informazioni, da qualche parte qui sotto, separandola chiaramente dal partito di compensazione-contributi come fatturazione totale. Un’altra conseguenza Ovvio: l’emittente dell’1,1% non inserisce il tuo fatturato e quindi non deve essere parte di ciò che si segnala alle tasse.

Se un cliente richiede di semplificare la Dichiarazione dell’1,1% e la procedura di pagamento (Formare il riempimento, il calcolo delle somme e persino l’invio del controllo alla MDA al suo posto), è possibile (e anche, deve) rifiutare. Non sei lì per mantenere la contabilizzazione del tuo cliente, nello stesso modo in cui non viene a casa per aiutarti a completare il tuo ritorno annuale MDA.

Una domanda quindi sorge, cosa vada se un cliente dimentica Per pagare il suo 1,1% all’MDA?
La leggenda dice che al momento delle dichiarazioni annuali, l’MDA attraversa i file e se un emittente non ha pagato la tassa, contattalo per chiedergli di regolargli di regolarizzare.
Ma ci sono molte lune che nessuno sembra essere stato in grado di testimoniare a un simile evento, e alcuni considerano oggi che questo è lì che favole e ripieno che ci piace dire al vecchio ingrigente in cambio di un bicchiere offerto all’angolo di un contatore di locanda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *