Articles

Resezione dei tumori ricorrenti del collo con sostituzione dell’arteria carotidica

Riepilogo

Obiettivi

La gestione di pazienti con cancro del collo ricorrente L’invasione dell’arteria carotide è controversa. Lo scopo di questo studio era valutare la sopravvivenza complessiva e gli anni di sano sopravvivenza (QALY) e la permeabilità primaria della rivascolarizzazione carotidea dopo la resezione del tumore monoblocco seguita da ulteriore radioterapia.

Metodi

Dal 2000 al 2016, 42 pazienti consecutivi con cancro al collo ricorrente e l’invasione Artery carotid ha subito una resezione del tumore canceroso associato alla ricostruzione dell’arteria carotidea con una protesi in PTFE (n = 31) o una vena safena (n = 11). In 11 casi, questa resezione del tumore era associata a una copertura da un lembo muscolocutaneo. Il tumore primario era un carcinoma epidermoide della laringe (20 pazienti) o faringe (9 pazienti), un carcinoma indifferenziato di origine sconosciuta (10 pazienti) e carcinoma anaplasico della tiroide (3 pazienti). Tutti i pazienti avevano la radioterapia postoperatoria (50-70gy) completati in 16 di loro mediante chemioterapia. Nove pazienti hanno avuto una diffusione metastatica al momento del ri-intervento con un tumore recidivato dalla pelle alta in 5 di loro.

Risultati

La velocità combinata di mortalità e ictus a 30 giorni era zero. La morbilità postoperatoria compresa 8 disfagia, 6 paralisi di corde vocali, due ritardi nella guarigione della ferita chirurgica, una claudicazioni mandibolari transitorie e una necrosi parziale del lembo muscolocutaneo. Nessuna infezione e trombosi di bridging sono state osservate durante il follow-up. Ventuno pazienti (50%) hanno deceduto le conseguenze della diffusione del cancro diventano metastatiche, ma senza ricorrenza locale. Il tasso di sopravvivenza a 5 anni era di 50,9 ± 8,3%. La mediana di anni di sana sopravvivenza (QALY) era 3.38 con una differenza significativa tra i pazienti senza metastasi al momento della reintervento e quelli con metastasi. La vita sana è stata anche migliorata significativamente nei pazienti con cancro a Larynx rispetto a quelli con altri tipi di tumori.

Conclusione

In assenza di metastasi, la resezione del blocco dei tumori del collo ricorrente invasiva la carotide migliora la durata e la qualità della sopravvivenza dei pazienti.

Il testo completo di questo articolo è disponibile in PDF.

Riassunto

Obiettivi

La gestione di pazienti con cancro al collo ricorrente invadendo l’arteria carotid è controversa. Lo scopo di questo studio era valutare la sopravvivenza complessiva e gli anni di sopravvivenza sani (QALY) e la brevettazione della rivascolarizzazione carotidea dopo il tumore di Bloccore, seguito da radioterapia complementare.

Metodi

7F82BBB6127″>

Dal 2000 al 2016, 42 pazienti con consecutivi con cancro al collo ricorrente invadendo l’arteria carotida subì riservando il tumore associato alla ricostruzione dell’arteria carotidea con protesi PTFE (n = n = 31) Oro con un innesto safeno (n = 11). In 11 scatole, il riservato è stato associato alla copertura muscolocutarea a patta. Il tumore primario era un carcinoma a cellule squamose della laringe (20 pazienti) o della faringe (9 pazienti), origine sconosciuta (10 pazienti) e carcinoma tiroideo anaplastico (3 pazienti). Tutti i pazienti avevano la radioterapia postoperatoria (50-70gy) fornita in 16 di loro mediante chemioterapia. Nove pazienti avevano diffusione metastatica al momento della reoperazione con un tumore ricorrente ulcerato alla pelle in 5 di loro.

Risultati

La mortalità combinata di 30 giorni e il tasso di ictus era NIL. Morbidità postoperatoria inclusa Dyspagia (n = 8), paralisi del cavo vocale (n = 6), ritardo della guarigione della ferita tardiva (n = 2), claudicazione mandibolare transitoria (n = 1) e necrosi parziale del lembo muscolocutaneo (n = 1). Nessuna infezione e nessuna trombosi del bypass è stata osservata durante il follow-up. Ventuno pazienti (50%) sono morti per le conseguenze della diffusione del cancro, che erano diventati metastatici, scopo senza ricorrenza locale. Il tasso di sopravvivenza a 5 anni era di 50,9 ± 8,3%. L’anno medio di sopravvivenza sano (QALY) era 3.38 con ha una differenza significativa tra i pazienti senza metastasi al momento della reoperazione e quelli con metastasi. Anche l’aspettativa di vita sana era significativamente più lunga nei pazienti con cancro alla larga rispetto ai pazienti con altri tipi di tumori.

Conclusione

In assenza di metastasi, la resezione di Enbloc di Canceri ricorrenti del collo invadendo l’arterry carotid migliora la durata e Qualità della sopravvivenza del paziente.

Il testo completo di questo articolo è disponibile in PDF.

Parole chiave: cancro alla laringe, recidiva del tumore, invasione carotide

Parole chiave: Cancro della laringe, tumore ricorrente, invasione carotide

Piano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sommario presentato per la presentazione al 51 ° Congresso, CFPV 2017. Lavoro presentato alla sessione congiunta con la società francese di chirurgia vascolare e endovascolare, CFPV 2017 , Parigi, Francia.