Articles

Ritratto di una donna che ha segnato Parigi: la contessa di Castiglione

Conosciamo poco la storia affascinante della contessa di Castiglione, donna che ha segnato lo spirito del 19 ° secolo Parigi. Living Paris lo dici.
Siamo il 22 marzo 1837 a Firenze, Italia. Virginia Oltoin Verasis è la ragazza unica del marchese Filippo Oltoinina Rapallini (primo deputato della Spezia del Parlamento del Regno della Sardegna) e Isabella Lamporechi (il cugino di Filippo). Ragazza della nobiltà piemontese, Virginia riceve un’educazione completa, alternando tra corsi di inglese, francese, danza e musica.

contessa di castiglione
ritratto dipinto da Gordigiani nel 1862.
quello chiamato molto rapidamente, a causa della sua bellezza, “il Perla d’Italia” ( La moglie della perla dell’Italia) all’età di 17 anni il conte Francesco Verasis di Castiglione. Nel marzo del 1855, gli dà un figlio: Giorgio.
nel 1856, Virginia a 18 anni e il suo matrimonio (in cui si annoiava) batte l’ala. Inviato alla capitale dal suo cugino Camillo Cavour per conquistare Napoleone III, poi 47 anni, Virginia arriva a Parigi con il marito il 25 dicembre. Si accontentano al numero 10 di Castiglione Street, una corsia dal distretto del Place-Vendôme (75001) battezzato nel onorare la vittoria vinta dal generale Bonaparte sugli austriaci, 5 agosto 1796.

rue de castiglione rue de castiglione intorno al 1950 © parisrues.com L’interesse di un tale collegamento? La Virginia potrebbe influenzare le decisioni politiche dell’unico presidente della Seconda Repubblica, al fine di ottenere il sostegno dell’imperatore del francese alla causa italiana di fronte alla minaccia austriaca.
Grazie alle sue risorse fisiche, ma anche Il suo personaggio – Virginia è una giovane donna sicura di lei e molto orgogliosa – riesce a sedurre Napoleone III. Il 9 gennaio 1856, la contessa è presentata all’imperatore a una palla. Un mese dopo, iniziano una connessione non veramente segreta. In un paese e una festa estiva nel parco di Saint-Cloud, al Castello di Villeneuve-L’Etang (Marnes-la-Coquette), i due araolati per diverse ore, sotto gli occhi dell’imperatrice, umiliati.

Napoleone III Paris
1861; Ritratto di Napoleone III in un’uniforme generale di brigata, nella sua grande impresa alle Tuileries., By Hippolyte Flandrin © Museo della storia della Francia

su racconta che la Virginia L’influenza sull’imperatore avrebbe realizzato il 21 luglio 1858 con il trattato dei plurières. Inoltre, durante la guerra franco-prussiana del 1870, Napoleone III, malati e sconfitti, gli avrebbe chiesto di giocare un’ultima volta dal suo fascino per scopi diplomatici. La contessa ha esortato la causa della Francia con il cancelliere della Prussia Bismarck, al fine di evitare l’occupazione di Parigi.
Naturalmente, dai suoi inizi la relazione è scandalo. Il Conte Castiglione si separa dalla Virginia e, rovinato dal lussuoso stile di vita di sua moglie, ha lasciato solo in Italia dove deve vendere tutti i suoi beni a rimborsare i suoi debiti.

Contessa di Castiglione
La contessa ama gli abiti, come questo vestito che vediamo le sue spalle nude. Ritratto a 1861 da Pierson

da quel momento in poi, cortese, adulato, gelosée, la contessa di Castiglione deprofestazione delle cronache mondane del secondo impero. La sua relazione con l’imperatore è nel cuore di tutte le conversazioni e apre le porte dell’alta società, in cui si blocca prosciudendo i doni del suo famoso amante. Nelle palline e cene mondane in cui è stata invitata, la giovane donna descritta come vanità, fuggendo con le donne e molto egocentriche, arriva sempre in ritardo, in fatti sorprendenti. La sua immaginazione non ha limiti; Cretiene i suoi abiti al solo scopo dello shocking.

castiglione donna marca paris
ritratto di Pierre-Louis Pierson, 1865
Virginia de Castiglione
Ritratto ha detto “alla ventola”, travestimento di Elvira, nel 1863 da Pierre-Louis Pierson
donna che marca Paris
La contessa in Queen of the Night, fotografata da Pierre-Louis Pierson verso il 1865

Il suo costume più famoso è quello di “La Signora del Cuore”, che indossava per una palla al Ministero degli affari esteri nel febbraio 1857 . Era un vestito fatto in un tessuto molto fine, segnando le sue forme e adornata con un cuore a livello del suo sesso. L’imperatrice Eugenie avrebbe illustrato su questo cuore situato “molto basso”.
Immortalato In questo vestito da Aquilin Schad, il cliché colorato con gouache nel workshop Mayer e Pierson saranno presentati presso la Mostra Universale del 1867, a Parigi.La Signora del Cuore Parigi

Ritratto della Signora del cuore, intorno al 1863;
Museo d’arte metropolitana
il 6 aprile 1857, nel mezzo della notte, mentre Napoleone III lascia la casa della Virginia, è vittima di un tentativo d attacco Avenue Montaigne (75008). È accusato di italiano per essere un complice ed è bandito dalla corte imperiale. Tornerà a Parigi nel 1861, ma è solo nel 1863 che è tornata in tribunale, al costume Tuileries Ball, travestito da regina di Etrurie.

tuta da ballo tuileries paris
palla in costume dato al palazzo delle Tuileries il 9 febbraio © Bnf
ma Non è solo per la sua relazione adultera e una ragazza capricciosa che Virginia de Castiglione merita di essere conosciuta. In effetti, la contessa è stata un pioniere nel campo della fotografia. La sua bellezza, ha reso un’ossessione, spingendo il suo narcisismo fino a diventare la donna del suo tempo per aver sparato il maggior numero di ritratti.
stimiamo la sua collezione circa 400 cliché, un numero incredibile per la fotografia è solo un modo per Vai alla società. Mayer e Pierson, i fotografi molto apprezzati della nobiltà parigina del XIX secolo sono in particolare all’origine di molti di questi ritratti che Virginia continua per il suo piacere personale.

Contessa di Castiglione History
Ritratto di Pierre-Louis Pierson intorno al 1861-1867, Museo metropolitano
Durante Quarant’anni, la contessa di Castiglione è stata così fotografata sotto tutte le cuciture; Rompendo rapidamente i codici del ritratto del tempo in un approccio originale, una meravigliosa modernità. Si pone, a volte le gambe nude, in tappe che rimangono ancora ora misteriose.
Biografia Contessa di Castiglione Le gambe, fotografia di Pierson, circa 1860; New York, Museo Metropolitano

Castiglione fotografia occhi mihée (1861 – 1867) Virginia de Castiglione di Pierson

Soprattutto, i cliché sembrano raccontare una storia, un mito che la Virginia crea da qualsiasi stanza, Soprattutto usando il ritocco (e la colorazione con gouache) per scopi puramente artistici e capricciosi, mai visti nel 19 ° secolo. Un vero approccio artistico.

La vita di castilgione ha parigi Pierre-Louis Pierson e contessa di Castiglione, La paura, fotografia con schizzo illuminato, intorno al 1861-1863, New York, museo metropolitana

Poiché la bellezza non è eterna, tempo che passa e altera la sua immagine cade in Gocce Virginia depressione. Lei è qui nel suo appartamento di 26 posti Vendôme (75001) quindi si muove in 1893 a 14 rue Cambon (75001). Si dice che, perché non era più soddisfatta del suo fisico, aveva tutti gli specchi rimossi da casa e coprivano le sue mura di foto che le ricordano il suo splendore giovanile.

Elvira Pierson Castiglione
Contessa Castiglione in Elivra, di Pierson intorno al 1861-1867; New York, Museo Metropolitano
nel 1893, Virginia ritorna dietro l’obiettivo (si è tagliente per vent’anni).La messa in scena è sempre così capricciosa, le pose e i vestiti sono gli stessi, ma qualcosa da cambiare nello sguardo della contessa. Spesso vestito in nero, l’aria altrove, mi dispiace, questi cliché sono pieni di disperazione e talvolta si riferiscono alla morte.

Le rose (1895) Virginia di Castiglione di Pierson
castiglione vecchio età
Pierre-Louis Pierson e contessa di castiglione, cani, fotografia, new york, museo metropolitano

A quel tempo lì, sperando di riconnettersi con il suo successo del passato, cerca di organizzare una mostra dei suoi ritratti. Questo non vedrà mai la luce del giorno; Avrebbe dovuto intitolato pomposamente “la donna più bella del secolo”.

contessa di castiglione vita
Pierre-Louis Pierson e Contessa de Castiglione, angolo nero della colonna, fotografia, 1893, New York, Museo metropolitano
La contessa di Castiglione muore il 28 novembre , 1899 all’età di 62 anni. Sepolto al cimitero di Padre-Lachaise (divisione 85), aveva chiesto di essere messo in vestito nella maglietta notturna che indossava durante la sua prima notte d’amore con l’imperatore, nella Compiegne, e accompagnata dai suoi cani farciti, ma il suo Gli ultimi desideri non riceverà risposta. Peggio, il funerale sarà anonimo. Inoltre, la sua tomba rimarrà abbandonata fino al 1999.
padre lachaise castiglione © Pierre-Yves Beaudouin

Tutti i suoi ricordi, fotografie, vestiti arriveranno ad un’asta per ex ammiratori, tra i quali il conte Robert de Montesquiou, che ha fatto un vero adorazione. Oggi è il Museo Metropolitan di New York, che ha la più grande collezione di foto della contessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *